23.5 C
Venice
mercoledì 21 Agosto 2019

blocco banner pubblicitario 300250 La Voce di Venezia

Home Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico. Di Giovanni Natoli

Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico. Di Giovanni Natoli

Suspiria 2018, suggestioni e simboli al posto del racconto

Suspiria 2018, suggestioni e simboli al posto del racconto

Trame ipercomplicate e immagini alla “se vogliamo siamo meglio degli americani” che rimirano loro stesse, immagini “belle” inclementi e che rubano spazio ad angoli di tregua estetica e di riposo di raccordi.
Il Corriere - The Mule, film solido e sincero

Il Corriere – The Mule, film solido e sincero

Clint Eastwood sceglie personaggi che gli somigliano; in Il Corriere - The Mule l’identificazione col vero Sharp deve averlo divertito moltissimo.
giovanni natoli columnist circle

Detroit, il film: ritrovarci faccia a faccia con la crudeltà di un certo sistema

Di tante rivisitazioni storiche, oggi così di moda, più o meno accurate e più o meno oneste, “Detroit” di Kathryn Bigelow appartiene alle pellicole...
giovanni natoli columnist circle

Tre manifesti a Ebbing, Missouri, film che va visto dall’imprevedibilità ben strutturata

A Ebbing, cittadina del Missouri, Mildred (F. Mc Dormand), una donna indurita e rude, affitta tre spazi pubblicitari in una strada statale in direzione...
L'Inganno, tutto il cinema di Sofia Coppola

L’Inganno, tutto il cinema di Sofia Coppola

Bisogna dare atto a Sofia Coppola che la riproposizione in schermo del romanzo di Thomas Cullinan é una scelta logica, in virtù dei possibili...
Borg Mc Enroe, il grande duello sotto il segno di Ron Howard

Borg Mc Enroe, il grande duello sotto il segno di Ron Howard

Una delle cose che più amo fare quando viaggio è andare in un cinema della città dove risiedo; è così che battezzo i luoghi...
La Tenerezza, le tessere ci sono tutte, ma il sentimento non decolla

La Tenerezza, le tessere ci sono tutte, ma il sentimento non decolla

“Tenerezza”; un sentimento mai sufficientemente presente nelle vite delle persone. Difficile da provare, ancor più difficile da estrapolare dalle proprie corazze esistenziali. Un anziano...
giovanni natoli columnist circle

Dogman, il film con una sua forza che non può lasciare indifferenti

Difficile trovare un antropologo visuale più definito di Matteo Garrone nel panorama italiano. I suoi film hanno una impressione della realtà, formulata sia dal...

Latin Lover, riflessione di Cristina Comencini sul nostro grande cinema

Latin Lover, un’espressione proverbiale, costruita sul modello maschile italiano il quale, nel corso degli anni 50/60 venne visto come maschio di riferimento, in possesso...
Un Affare di Famiglia, tante cose molto forti ma con mano delicata

Un Affare di Famiglia, tante cose molto forti ma con mano delicata

Vincitore della Palma d’oro al festival di Cannes 2018, il film di Hirokazu Kore’eda è una straordinaria analisi del concetto di “famiglia” collegato alla...
The Post, ennesimo trionfo della verità da parte di un piccolo gruppo di giornalisti

The Post, ennesimo trionfo della verità da parte di un piccolo gruppo di giornalisti

I sospetti mi nascono già nell’incipit: non si possono più mostrare scenari di guerra del Viet Nam, per quanto veloci e atti unicamente a...
giovanni natoli columnist circle

La Forma dell’Acqua, la Bella e la Bestia che potrebbe essere del primo Tim...

Viste le lodi che han accompagnato il nuovo film di Del Toro, amabile e candido regista del fantastico la cui commozione nel ricevere...
giovanni natoli columnist circle

Lo chiamavano Jeeg Robot, buona idea con dei momenti impagabili di un eroe per...

Come ben raccontano i Simpsons in una memorabile puntata dedicata all’ Uomo Radioattivo, Bart e Milhouse giungono finalmente in possesso del primo numero...
giovanni natoli columnist circle

Il Caso Spotlight, film che mantiene la promessa: sobrietà che non compromette il pathos

Presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia ultima scorsa e benedetto da una pioggia di Oscar, “Il caso Spotlight” del regista Tom...
Opera Senza Autore, il respiro (affannato) di una fiction

Opera Senza Autore, il respiro (affannato) di una fiction

Ci vuole davvero tanto candore e una conoscenza massimalista della storia per apprezzare “Opera senza autore”; il nuovo film di Florian Henckel von Donnersmarck...
Morto Stalin se ne fa un altro, pochade cinica in maniera di farsa

Morto Stalin se ne fa un altro, pochade cinica in maniera di farsa

Quando la storia si ripete, si ripete in forma di farsa. Ciò che abbiamo vissuto in prima istanza, alla seconda volta assume toni minori...
giovanni natoli columnist la voce di venezia

Hungry Hearts, il bambino indaco che sconvolge le vite. Di giovanni Natoli

Lo confesso: all’inizio mi stavo dirigendo a vedere “The imitation game”. Un po’ malvolentieri (per come possa io andare malvolentieri al cinema). Non avevo...
youth sorrentino XCOL

Youth, la Giovinezza. Sorrentino o delle vanità

E’ diventato davvero imbarazzante esprimere un giudizio negativo su Paolo Sorrentino; assurto a gloria nazionale grazie a un Oscar per il discusso (e discutibile)...

Dunkirk, la guerra secondo Nolan tra freddezza e svarioni retorici

Dunkirk. O Dunkuerque. Per me è sempre stata Dunkerque ma probabilmente dopo l'uscita del film di Nolan la versione inglese del nome avrà la...
La Favorita, film senza mai momenti di stanchezza

La Favorita, film senza mai momenti di stanchezza

La cosa memorabile de “La favorita” è semplicemente Olivia Colman, nella parte della regina Anna d’Inghilterra. Benché il trio di protagoniste sia eccezionale, la Colman ha quel qualcosa in più che la rende un’artista superiore.
Il Filo Nascosto, Anderson iperdotato ma dipendente dagli altri

Il Filo Nascosto, Anderson iperdotato ma dipendente dagli altri

Paul Thomas Anderson. Una colata di brodo di giuggiole si sta riversando sul suo ultimo nuovo film, "Il filo nascosto", storia di un sarto...
Di Vittoria e Abdul, salvo Judi Dench

Di Vittoria e Abdul, salvo Judi Dench

Un po' di vita reale; mi sono recato a vedere questo “Vittoria e Abdul”, racconto della “strana” amicizia tra la regina Vittoria d'Inghilterra e...
Inside Out, gli artefici mentali che organizzano la nostra vita

Inside Out, ennesimo spettacolo per gli occhi della Pixar

Accolto da un quasi unanime coro di approvazione “Inside out”, la nuova creazione dei maghi della Pixar, affronta con i prodigi dell'animazione digitale l'...
Sopravvissuto, The Martian. Verdure da Marte a chilometro zero

Sopravvissuto, The Martian. Verdure da Marte a chilometro zero

Siete amanti dei vegetali a chilometro zero, senza pesticidi, non in coltivazioni intensive, con fertilizzanti organici? Bene, laureatevi in biologia, e partecipate a una...
giovanni natoli columnist circle

L’Insulto, film cucinato con sapienza e fiducia e il segno lasciato resta impresso

A ben vedere il punto di forza de “L’insulto” non sta nel soggetto; non è certo la prima volta che assistiamo a una messinscena...
sulla mia pelle film venezia 2018 su stefano cucchi up 520380

‘Sulla mia Pelle’, film che tiene incollati sulla poltrona a condividere un calvario

Presentato fuori concorso alla 75ma Mostra del Cinema di Venezia, suscitando prevedibili clamori e contrasti, “Sulla mia pelle”, racconto degli ultimi sette giorni di...
giovanni natoli columnist circle

La Ruota delle Meraviglie, Allen con un chiaro segno di matrice Tennessee Williams

Appena uscito dal cinema, immediatamente dopo la visione de “La ruota delle meraviglie”, il primo pensiero che ho avuto relativamente al film è stato:...
giovanni natoli columnist la voce di venezia

American Sniper, la fine delle complessità. Di Giovanni Natoli

I biopic impazzano al cinema; vien voglia di capire perché nel terzo millennio sia tornato così in auge un genere che ha sempre percorso...
Cold War, un racconto di amour fou

Cold War, un racconto di amour fou

L’idea di legare l’inizio e la fine è l’intuizione forte di un film che, a mio parere, soggiace nella sua pretesa di autorialità
Scappa-Get out, indovina chi non resta a cena

Scappa-Get out, indovina chi non resta a cena

Capita, una volta ogni tot anni, che esca una pellicola che pian piano diventa un piccolo caso e assume lo status di cult. Molto...
Animali Notturni, film con momenti indiscutibilmente fortissimi

Animali Notturni, film con momenti indiscutibilmente fortissimi

  Ho molto rispetto per Tom Ford, una personalità ricca e intelligente, vincente in molti e differenti campi ma senza causare invidie. Non passa indifferente...
giovanni natoli columnist circle

Ave, Cesare! dei fratelli Coen, Clooney quando lavora per i Coen dà sempre il...

Eddie Mannix è un brav'uomo, con un pessimo rapporto col fumo. Supera il crocefisso avvolto nella penombra della chiesa, un Cristo sofferente e...
giovanni natoli columnist circle

La Pazza Gioia, sulla strada delle Donne, road movie che guarda a Pietrangeli

Sarebbe davvero riduttivo classificare Virzì come ultimo erede della commedia all'italiana; non perché ciò non sia vero (ricordi ben marcati dello spirito di Monicelli,...
giovanni natoli columnist circle

Tutti vogliono qualcosa: di cosa stiamo parlando mentre parliamo?

Non c'è niente che sia così assetato di vita come la vita stessa. In qualunque contesto, in tutti gli eventuali rimandi, persino nelle azioni...
mia madre nanni moretti VTCOL

Mia Madre di Nanni Moretti, la perfezione di Margherita Buy in quel personaggio

Una volta ho incontrato Margherita Buy; era il settembre del 1993, mostra del cinema di Venezia. A dispetto dell’immagine di sempiterna ragazza insicura, dagli...

Revenant, Inarritu tende solo a fare il “grande cinema”

Esisteva già una messinscena cinematografica delle disgrazie di Hugh Glass, raccontate in “Revenant”. Nel 1971 esce sugli schermi “Uomo bianco va' col tuo Dio”...
Frantz, storia di un'emancipazione femminile, Leone d'Oro alla Mostra del Cinema mancato

Frantz, storia di un’emancipazione femminile, Leone d’Oro alla Mostra del Cinema mancato

“Frantz” é soprattutto la storia di Anna. Una storia di percorsi in avanti e a ritroso, vicende speculari e purgatoriali il cui trait d'union...
giovanni natoli columnist circle

L’ultima parola, film partecipato ma senza particolari guizzi (senza nemmeno cadute però)

Nonostante la mia ritrosia per i biopic non potevo esimermi dal vedere “L'ultima parola”; storia dello sceneggiatore cinematografico Dalton Trumbo, uno dei sommi nomi...
the imitation game film LARGE

The Imitation Game e il cianuro di Turing

Turing sta pulendo dal tappeto è quello che, probabilmente, aveva inserito nella mela avvelenata per provocarsi la morte. Nel film ciò non si racconta;...
Cafe Society, la 'piccola' giostra umana secondo un maestro

Cafe Society, la ‘piccola’ giostra umana secondo un maestro

Ok, abbiamo rivisto un ennesimo Allen, un po' più in forma di certe ultime prove e un po' meno di altre. Torna l'ebraismo come ossessione, velato da un sentore di morte presente più del solito