Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
6.8C
Venezia
martedì 02 Marzo 2021
HomeLibri, recensioni e nuove usciteSe non ti vedo non esisti - il passionale libro di Levante

Se non ti vedo non esisti – il passionale libro di Levante

Da dove iniziare a parlare di un libro che è tutto cuore e passione? E’ passata una settimana da quando ho finito di leggere Se non ti vedo non esisti di Levante edito da Rizzoli e ho dovuto prendermi del tempo per assimilare le emozioni, incamerarle e poterle lasciare qui, nero su bianco, con un timore reverenziale di non riuscire a farvi comprendere, senza banalizzare, la bellezza della penna della cantautrice di Caltagirone trapiantata a Torino. Così mi sono detta: mettiamoci con il suo ultimo cd di sottofondo e lasciamo che le parole fluiscano da sole, ispirate dalla poesia che Levante è in grado di scrivere. Perché Anita, protagonista di questo romanzo, esce per diventare reale non solo tra le righe della pagine, ma anche dalle note del suo “Caos di stanze stupefacenti”.

Partiamo quindi dalle cose più semplici, la trama. Anita, redattrice in una rivista di moda, è bella, giovane, elegante e colta, ma anche tremendamente complicata. Quando si guarda allo specchio, le sue “mille me” – così le chiama lei – riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio.

Se c’è una cosa che amo nell’arte, che essa sia letteraria, musicale, cinematografica o visiva, è quando, finita di vedere, ascoltare o leggere, ti devi prendere del tempo per rifletterci, perché ti senti che dentro qualcosa è cambiato. Ti senti una persona diversa perché quell’autore ti ha cambiato, ti ha suscitato qualcosa che fatichi a descrivere a parole, ma sai che ti ha trasformato. Mi è successo ammirando le opere di Van Gogh e Renoir, mi ha successo guardando Arrival e Animali Notturni e mi è successo con il libro di Levante, così come mi successe con Il libro di Sofia.
Sì perché qui siamo davanti al lbro di Anita, a questa protagonista che è una donna della nostra generazione e che Levante descrive con estrema sincerità. E’ una donna ricca di contraddizioni e per questo reale, non è solo frutto di una penna è un personaggio che, già dopo poche righe, si trasforma in persona e per questo finiamo per amare, criticare, volerla scuotere, darle suggerimenti, abbracciarla, ma anche prenderla a schiaffi.

Se non ti vedo non esisti è la vita di tutti i giorni nella sua complicata semplicità vista dal punto di vista di una donna che ha perso la via del cuore, incapace di distinguere tra il vero amore e la passione ardente, incapace anche di stare da sola anche se continua a sottolineare la sua indipendenza. Una donna fragile e forte, sbattuta dalla vita come in una nave in tempesta che brama un raggio di sole, anche flebile, per ritrovare la speranza.

Anita è tutte noi, è quel desiderio di mordere la vita, ma anche la paura di essa. E’ le scelte sbagliate e quelle giuste, è il bisogno stesso di sbagliare per capire cosa si vuole, è il desiderio di non avere più paura per definire il “vortice che si porta nel cuore”. Nei mille specchi in cui la protagonista rivede le sue “mille me”, noi ci rispecchiamo e troviamo noi stesse, sentendoci parte quasi di una comunità che ci fa sentire meno sole. Perché è proprio questo che fa il libro di Levante, allontana la solitudine e ci fa guardare dentro, ci fa sentire che c’è qualcuno là fuori che ci capisce e che è incasinato quanto noi, ma che non per questo e nonostante i mille sbagli, molla e continua a lottare per cancellare quella nuvola in cui è immersa la nostra testa e il nostro cuore.

Se non ti vedo non esisti è uno di quei libri che, con il Natale che si avvicina, regalerei a chi amo, per portargli un po’ di calore derivante da una scrittura appassionata e appassionante come quella di Claudia. Sì perché, arrivati alla fine di questo libro, non riesci più a chiamarla con il suo nome d’arte. Levante diventa Claudia, un’amica, una conoscente che sussurra al nostro cuore emozionandoci con una penna delicata, ma graffiante.

Sara Prian

Riproduzione vietata

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.