Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
13C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021

SEGNALAZIONI

HomeOmicidi e assassiniNoemi poteva essere ancora viva, il ragazzo poteva essere fermato prima

Noemi poteva essere ancora viva, il ragazzo poteva essere fermato prima

Noemi potrebbe essere viva, il ragazzo poteva essere fermato prima

Noemi potrebbe essere oggi ancora viva, se “Qualcuno avesse
fatto qualcosa”. Questa la sensazione che trapela dal dolore
il giorno dopo la scoperta della tragedia.

La casa di Noemi, alla fine di un vicolo che porta al numero 73
di via Madonna del Passo,
nel borgo antico di Specchia, è presidiata a distanza dai
carabinieri. Niente telecamere, accesso consentito solo a
parenti e amici della sedicenne uccisa dal fidanzato 17enne la
cui relazione era mal vista dalla famiglia della ragazza, tanto
che la madre di lei aveva denunciato per due volte il ragazzo
accusandolo di picchiare la sedicenne.

Noemi ha vissuto qui fino al 3
settembre scorso, giorno della sua scomparsa e probabilmente della
sua morte, viveva con la madre, Imma Rizzo, con la sorella
maggiore Benedetta, prossima laureanda, e la sorellina di 9
anni.

“L’ho vista per l’ultima volta il sabato precedente alla
scomparsa – dice singhiozzando il nonno, Vito – era tranquilla”.
L’uomo piange quasi costantemente, cerca di darsi forza
appoggiandosi al muro di un’abitazione, a pochi metri da quella
della sua nipote, e fuma nervosamente un piccolo sigaro. A chi
gli mette una mano sulla spalla per consolarlo, lui risponde:
“La forza prima o poi se ne va”. Scuote la testa quando gli si
dice che la mamma di Noemi aveva denunciato per due volte per
violenze il fidanzato di sua nipote. “L’ho visto solo una volta”
ricorda, forse pensando se avrebbe mai potuto fermarlo. Un
ragazzo che sarebbe stato ‘tradito’ – contrariamente a quanto si
era saputo inizialmente – anche da alcune tracce di sangue
trovate nell’auto da lui guidata e lasciate probabilmente dopo
il delitto, nonostante una presunta opera di ‘pulizia’ delle
stesse tracce.

In via Madonna del Passo, transennata per 200 metri per
rispettare il dolore della famiglia di Noemi, oggi si parlava a
bassa voce, si camminava a testa bassa e c’era chi, passando a
piedi, rivolgeva uno sguardo furtivo a quel vicolo, ma
probabilmente avrebbe voluto abbracciare chi sta vivendo momenti
terribili dietro quelle mura.

“Sono sgomento, è una tragedia difficile da metabolizzare”
dice il sindaco di Specchia, Rocco Pagliara, pensando a come
improvvisamente il suo paese di sole cinquemila anime sia finito
sotto i riflettori. Pagliara è appena uscito da casa di Noemi,
ma non ha potuto parlare con la madre della ragazza. In quei
frangenti stava riposando, spiega, la donna è distrutta dal
dolore. “Ci abbiamo creduto fino all’ultimo di trovarla viva –
ripete – abbiamo cercato subito di far coordinare le ricerche e
chiesto ai media di non spegnere mai i riflettori sulla
scomparsa di Noemi. Poi stamani il prefetto ci ha dato la
notizia che non avremmo mai voluto sentire ed è crollato tutto”.

Il fidanzato e presunto assassino di Noemi “era possessivo e
geloso, non voleva che mia cugina vedesse altre persone, la
picchiava”, racconta Davide, cugino della sedicenne.

“Noemi, assieme ai genitori, – continua il ragazzo – era andata anche in caserma per
denunciare le aggressioni subite dal diciassettenne, e aveva
ancora i segni della violenza sul volto – racconta il giovane -,
ma non è stato fatto nulla”.

A Specchia già da oggi è stato
proclamato il lutto cittadino, che proseguirà fino al giorno dei
funerali di Noemi, di cui il Comune dovrebbe accollarsi l’onere.
Domani il sindaco incontrerà il parroco del paese per concordare
iniziative concrete dell’intera comunità locale a sostegno della
famiglia della ragazza. Specchia non vuole dimenticare, ma
ripartire da una tragedia senza precedenti.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.