No Tav, ritorna la protesta. Dopo 4 anni marcia di protesta e assalti al cantiere

ultimo aggiornamento: 29/06/2015 ore 08:20

87

no tav proteste assalti cantiere dopo 4 anni
No Tav, ritornano le proteste dopo 4 anni. Teatro sempre la montagna di Ramatz, dove ieri un centinaio di giovani vestiti di nero hanno scelto lo scontro diretto con le forze dell’ordine. Lanci di pietre verso il cantiere, petardi: l’assalto ha visto quattro blitz la mattina, e, da un altro lato del cantiere, altri quattro nel tardo pomeriggio.
Duemila persone circa hanno partecipato alla manifestazione, circa 400 invece gli antagonisti che a turno e a più riprese “hanno attaccato” le reti del cantiere. Numeri molto lontani dai giorni caldi del 2011, anche e soprattutto perchè le persone si sono trovate intanto impegnate a combattere un’altra battaglia presso un altro fronte: le aule dei tribunali.
Lunghi mesi di silenzio dei protestanti sono stati scanditi da rinvii a giudizio, udienze e processi.
Alla fine, ieri, quattro manifestanti e altrettanti poliziotti hanno avuto bisogno di cure mediche.
Quattro le persone fermate e denunciate, tra loro c’è anche il conducente di un furgone noleggiato, nel cui interno sarebbero stati trovati bastoni, maschere antigas, petardi e pietre.

Mario Nascimbeni

29/06/2015


Riproduzione vietata

(foto: scontri proteste No Tav e polizia del 2011)


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here