Neonata abbandonata a Firenze, usata la ruota come nel 1200

ultimo aggiornamento: 02/01/2015 ore 20:26

213

neonata abbandonata careggi firenze

Una neonata è stata abbandonata a Firenze, all’ospedale fiorentino di Careggi. La piccola, dal nome provvisorio di Daniela, sta bene, e pesa un chilo e 700 grammi.
Daniela è la prima neonata lasciata nella ‘ruota’, proprio come accaduto nel passato, dal 1200 in poi, quando le famiglie più povere deponevano i loro bambini con questo sistema perché non potevano permettersi di sfamarli.

La ruota dei nostri tempi è moderna e accessoriata, chiaramente, ma il principio è sempre lo stesso. Installata dal 2012 nel policlinico del capoluogo toscano, fino ad oggi nessuno l’aveva mai utilizzata. Il giorno di Capodanno i medici hanno sentito squillare il telefono collegato ai sensori della culla ed hanno subito prestato soccorso alla piccola.


La piccola, secondo il professor Carlo Dani, primario della neonatologia di
Careggi, potrebbe essere stata abbandonata proprio nel suo primo giorno di vita e quindi potrebbe essere venuta alla luce nell’ultimo giorno del 2014.

Per la ‘trovatella’ di Capodanno, depositata nella culla nell’anonimato, si apriranno ora le pratiche per l’adozione e potrà contare su una famiglia che l’accoglierà.

La ruota dell’ospedale fiorentino di Careggi è sul retro del reparto maternità, in un luogo particolarmente isolato e protetto. Nessuno quindi può aver visto chi ha lasciato la piccola Daniela, trovata con una tutina addosso e avvolta in una coperta. C’è da dire che questo tipo di scelta per ‘dare in adozione’ il neonato è sempre meno usato, in quanto normalmente i bambini vengono fatti nascere in ospedale e poi non vengono riconosciuti, come previsto dalla legge, garantendo l’anonimato alla madre.


Paolo Pradolin

[03/01/2015]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here