domenica 23 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Nei tagli a Regioni e Comuni la Corte dei Conti boccia Renzi

HomeLettereNei tagli a Regioni e Comuni la Corte dei Conti boccia Renzi

Renzi attacca tutto e tutti

La Corte dei Conti boccia i governi da Monti fino a Renzi: le draconiane misure di austerità imposte a Regioni ed enti locali stanno minando i conti pubblico e lo Stato, fagocitando risorse dal decentramento, ha creato le premesse per un vero e proprio collasso del sistema.

Lo si legge a chiare lettere nella relazione sulla situazione finanziaria degli enti pubblici resa nota dalla Corte dei Conti lunedì scorso. A Regioni, Province e Comuni è stato imposto “uno sforzo di risanamento non proporzionato all’entità delle loro risorse”: si va verso il collasso perché non si hanno più risorse per garantire servizi e funzioni strategiche, mentre l’amministrazione centrale non diminuisce, anzi aumenta, le sue spese. Come essere una famiglia in cui il capo s’abbuffa, costringendo tutti gli altri membri a diete anoressiche.

Come ciò sia stato possibile è la stessa Corte a spiegarlo: chi decide le manovre pubbliche, il governo, ha un peso sproporzionato nelle scelte che ricadono su altri soggetti e non accetta né critiche, né dialogo. Non è un caso se anche da ultimo sulla Legge di stabilità il governo abbia evitato il confronto, in primis con la Conferenza delle Regioni, e con chi dovrà poi applicare le norme votate dal Parlamento.

La Corte rileva che a pagare è tutto il sistema Italia: dai Comuni, spaesati dal “convulso legiferare in materie tributarie”, alle Province che si son viste non solo azzerare ogni contributo ma oggi son costrette persino a versare soldi allo stato, che si presenta sempre più come o un avido quanto incauto predatore o parassita.

Il quadro delineato dalla Corte dei Conti è fosco ed è il magistrato contabile a lanciare l’allarme: le Regioni dovranno metter mano in maniera molto forte alla sanità, tagliando servizi, e aumentando il gap che separa il sistema italiano da quello Europeo. Già oggi, infatti, la spesa italiana nella sanità è inferiore, e non di poco, rispetto alla Germania o alla Francia. Secondo la Corte la sanità italiana, gestita dalle Regioni, oscilla tra il 15 e il 16 per cento della spesa corrente, ma ha sostenuto il 30 per cento dei tagli nel 2013.

L’analisi della Corte conferma la lettura dell’andamento della spesa pubblica fatta dall’Istat: le Regioni, innanzitutto, seguite da Province e Comuni hanno sopportato assieme ai contribuenti e ai pensionati, il peso delle manovre, mentre l’amministrazione centrale dello Stato era fuggita ad ogni revisione di spesa, anzi, aveva visto aumentare le proprie uscite.

Ora, queste analisi devono essere proiettate nell’immediato futuro: le Regioni devono fronteggiare 4 miliardi di tagli che, sommati alle precedenti manovre, portano nel 2015 a circa 5,7 miliardi in meno nei bilanci regionali che dovranno metter mano alle casse della sanità. Non si pensi che si tratti di attivare risparmi o razionalizzazioni: solo nel 2013 la sanità è costata rispetto a quanto previsto dallo Stato ben 3 miliardi in meno di spesa corrente ma non per effetto di disposizioni statali, ma per precise scelte delle Regioni. Ma il barile è stato raschiato: ora si tratta di incidere nella qualità e quantità dei servizi resi ai cittadini. Scelta assurda, come certifica la Corte dei Conti più che preoccupata.

“Collapse: How societies choose to fail or succeed” è il titolo di un saggio di Jared Diamond, scritto nel 2004, in cui l’autore basandosi su precedenti storici, si interrogava sulla capacità di una società di affrontare le proprie crisi o andare incontro, più o meno consciamente, alla propria fine: a leggere il report della Corte dei Conti non ci sono dubbi su quale sarà l’esito delle scelte imposte al sistema Italia da Monti fino a Renzi. Il collasso è dietro l’angolo.

Roberto Ciambetti
Assessore al Bilancio e agli Enti Locali
Regione del Veneto

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

“Vaccini, tamponi e uno squarcio di verità”. Lettere

Questa mattina al Policlinico San Marco di Mestre Sono circa le otto del mattino di oggi, 17 gennaio, quando una donna di settantacinque anni, vaccinata tre volte e altrettante sottoposte al tampone, si reca al Policlinico San Marco di Mestre per un...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...