giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Negozi Ruga degli Oresi: via tutti espositori esterni

HomeNotizie Venezia e MestreNegozi Ruga degli Oresi: via tutti espositori esterni

Negozi Ruga Oresi Venezia nuovo regolamento

Il commissario straordinario del Comune di Venezia, Vittorio Zappalorto, ha approvato oggi, con i poteri della Giunta, una delibera con la quale vengono recepite le linee guida per la riqualificazione delle botteghe in Ruga degli Oresi e viene approvato il nuovo “Regolamento per il decoro e la riqualificazione delle botteghe in Ruga degli Oresi e del Ponte di Rialto”.

Il regolamento riprende le indicazioni già contenute nelle “Linee guida per la riqualificazione delle botteghe in Ruga degli Oresi” e nel “Progetto definitivo per il restauro del ponte di Rialto”, redatti dall’Amministrazione comunale in accordo con la Soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici di Venezia e Laguna nel giugno scorso e contiene tutta una serie di prescrizioni puntuali relative ai singoli elementi che costituiscono le botteghe (rivestimenti, chiusure, tende, coperture, espositori…).

In particolare, non sarà consentito esporre la merce fuori dalle botteghe, né appoggiata al suolo, né sospesa, eccetto che negli espositori consentiti (due bacheche con spessore massimo di 25 cm e sporgenza massima di 45 cm dal filo della bottega). Dovranno quindi essere rimosse le pedane esistenti.

Tutte le botteghe dovranno avere una porta in legno “piena” (dimensione massima 80 cm x 210 cm), una vetrina fissa e uno zoccolo in pietra da cui dovranno essere eliminate le strutture di sostegno delle pedane; per l’illuminazione interna si dovranno usare luci di tonalità calda e i messaggi pubblicitari o le scritte relative a vendite promozionali dovranno per morfologia, dimensioni e colori limitare l’impatto paesaggistico. Le coperture delle botteghe dovranno essere in lastre di piombo intere (via dunque teli, coperture sovrapposte al manto, sporgenze laterali, cavi metallici di ancoraggio al palazzo…), mentre le pareti dovranno essere di legno verniciato in colori prestabiliti (marrone scuro, rosso marrone, grigio azzurro, verde scuro); le tende parasole dovranno essere a una falda, in tessuto ignifugo di colore ecrù, non plastificate. Tutti i cavi elettrici con passaggi aerei, i passaggi esterni di tubi e canali impiantistici e gli apparecchi illuminanti fissati in modo permanente alle strutture esterne delle botteghe andranno rimossi.

Ai trasgressori sarà applicata una sanzione di 500 euro per ogni singola violazione accertata. Il nuovo Regolamento per diventare esecutivo dovrà essere ora approvato dal Consiglio comunale.

[22/01/2015]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

“Dall’anno scorso vivo a Marghera, tutti mi chiedono: com’è via da Venezia?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Buongiorno, Dall’anno scorso vivo a Marghera nella casa di Mia madre nel quartiere Cita. Tutti mi chiedono come mi sento dopo aver lasciato Venezia. Sto...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...