20 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Multe non pagate per 48mila euro: acciuffato grazie ad agente della Polizia Locale

HomeMulte e sanzioniMulte non pagate per 48mila euro: acciuffato grazie ad agente della Polizia Locale

Colleziona oltre 500 multe tra il Salento e Venezia: conducente rintracciato grazie al fiuto di un agente della Polizia locale che si è messo a dargli la caccia sui social.

La storia riguarda un commerciante pugliese che dal 2019 circolava con la sua auto di grossa cilindrata superando i limiti di velocità e collezionando fotografie degli autovelox, oltre a lasciare la macchina in sosta senza pagare il ticket, convinto che risultando irreperibile nella propria residenza non fosse tenuto a pagare le multe.
L’esagerato numero di infrazioni, invece, ha attirato l’attenzione di un agente della Polizia locale di Venezia che ha deciso di fare ricerche anche sui social per provare a rintracciare il conducente dell’auto fantasma, al quale gli uffici postali del Salento non riuscivano a notificare gli avvisi di pagamento.

“Tra le varie foto postate dall’uomo sui suoi profili social – spiega il comandante della Polizia locale, Marco Agostini – alcune riprendevano l’insegna di un’attività commerciale, situata in Puglia, e di sua proprietà. All’agente in servizio nell’Ufficio contravvenzioni della Polizia locale di Venezia non è sfuggito il particolare, ricordando di avere visto la stessa insegna in un’attività del centro storico. Sono bastate poche verifiche per capire che si trattava del medesimo titolare che, grazie all’indagine sui social, è stato contattato personalmente e invitato a presentarsi negli uffici di via Cappuccina, a Mestre, dove gli sono stati notificati tutti i verbali per violazioni al Codice della Strada (oltre 500) per un importo totale che supera i 48.000 euro, che ora dovrà pagare”.

(foto da archivio)

» potrebbe interessarti anche: “Lido, San Nicolò. Ore 14: il folle con la Porsche fa le gimkane tra la gente

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.