Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
8.9C
Venezia
martedì 02 Marzo 2021
HomeCronacaMorte di Francesca in ospedale, cinque avvisi di garanzia ai medici

Morte di Francesca in ospedale, cinque avvisi di garanzia ai medici

Morte di Francesca in ospedale, cinque avvisi di garanzia ai medici

Francesca Napoletano, 42 anni è morta mercoledì al Monaldi, l’ospedale nel quale si era presentata, dopo una serie di palleggiamenti che la Procura dovrà districare. In particolare: accertare come sia possibile che una manovra non particolarmente complicata, cioè aspirare dal pericardio il liquido che impediva al cuore di battere, non sia stata praticata nell’ospedale San Paolo dove Francesca era stata in un primo momento portata dai parenti la notte tra martedì e mercoledì scorsi dopo essere stata colta da malore.

La morte della donna porta con sé una serie di interrogativi ai quali intendono dare una risposta gli inquirenti che indagano sulla morte della donna dopo che ieri i carabinieri del Nas hanno notificato cinque avvisi di garanzia ad altrettanti medici dell’ospedale San Paolo. Ma c’e’ un altro quesito al quale si cercherà di dare una risposta, riguarda la disponibilità dei posti nelle cardiochirurgie della città la mattina di mercoledì.

I famigliari della donna, infatti, hanno denunciato di non essere riusciti a trovare posto in alcuno degli ospedali napoletani addebitando ai ritardi accumulati il drammatico esito della vicenda. Interrogativi sui quali vuole vederci chiaro anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che invierà a Napoli gli esperti della task force ministeriale per i casi di emergenza. Lunedì mattina si procederà al conferimento dell’incarico ai consulenti che, martedì, nel Secondo Policlinico, dovranno eseguire l’autopsia.

L’Ospedale Monaldi (foto), intanto, difende il proprio operato: “Abbiamo fatto il possibile, abbiamo praticato lo svuotamento del liquido dal pericardio, ma l’intervento non ha dato esito positivo, le condizioni di salute sono precipitate fino all’arresto cardiaco” spiega il direttore sanitario, Nicola Silvestri, esprimendo alla famiglia il cordoglio dell’azienda. “Avevamo entrambe le sale operatorie impegnate per due urgenze, un trapianto di cuore e un aneurisma di primo grado, due interventi complicati. Ho espresso contrarietà al 118 quando mi è stata proposta la terza urgenza, ma per un tamponamento cardiaco non è necessaria la sala operatoria, poteva essere praticato anche da un cardiologo, così come è stato fatto”.

“La signora è andata in arresto cardiaco alle 6.40 – ha detto ancora il direttore sanitario – fino alle 8.10 le sono state praticate tutte le necessarie manovre di rianimazione che purtroppo non hanno avuto successo”.

La Regione Campania si è intanto mossa chiedendo si faccia piena luce sulla vicenda. In questo senso – spiega una nota – “il presidente, Vincenzo De Luca ha concordato con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, l’invio di ispettori nelle strutture sanitarie interessate”.

Monica Manin
13/03/2016

(cond monaldi)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.