Ceneri in laguna per salutare Teodora Sammartini, Tudy, il 29 Ottobre

0
597
Ceneri in laguna per salutare Teodora Sammartini, Tudy, il 29 Ottobre

Ceneri in laguna per salutare Teodora Sammartini, Tudy, il 29 Ottobre

E’ morta il mese scorso a 85 anni, Teodora Sammartini, per gli amici ‘Tudy’. Abitava a due passi di San Basilio, nella larga Salizada che porta verso L’Angelo Raffaele. La sua casa al pianterreno è circondata da piante e i vicini hanno imitato la restauratrice di giardini e chiunque passi per quel posto, può apprezzare quella via verde, una specie di bosco nella città s’acqua. Piante e fiori ai piedi delle case, ma anche pomodori, erbe e spezie hanno segnato la presenza dell’Artista in una magia naturalistica che ha coinvolto il vicinato. Tutti l’hanno seguita nel suo sogno, trasformando la calle larga in un giardino vivente, solare e ospitale. Sempre, accanto alla sua porta di casa, un fedele gatto grigio.

Animata da un grande amore per Venezia, città nella quale ha vissuto per tanti anni pur essendo originaria di Pieve di Soligo, scrittrice di libri artistici e storici, Tudy è stata per tutti un’amica originale preziosa, animatrice di iniziative culturali e sociali che hanno caratterizzato la personalità ricca e variegata di una studiosa che amava e difendeva Venezia con passione e rigore. Sposata con l’architetto Ugo Sissa (mancato qualche anno fa), con lui ha girato il mondo, raccogliendo analisi e letture originali sulle architetture delle città e promovendo numerose opere di architetti italiani. Ha scritto e pubblicato libri fotografici su Venezia, caratterizzando il suo inesauribile impegno civile.

Aderente al Comitato No Grandi Navi, inesauribile fonte di iniziative culturali, per molto tempo ha lavorato come guida turistica, un ruolo che le piaceva molto, le dava l’opportunità di scoprire posti e giardini segreti, di svelare bellezze nascoste, di cui faceva tesoro per i suoi studi e per la sua vita. Struggente la sua passione per i campanili, i tetti, le forme che guardano al cielo, la sua attenzione per gli animali e per i deboli della terra. Avrebbe meritato più visibilità in vita, ma come spesso succede alle persone “grandi”, rimangono in una zona d’ombra, che però resiste al tempo e lascia una forte traccia umana nel cuore della città.

Ora il Figlio Paolo e i tanti amici che l’hanno amata e apprezzata, desiderano poter comunicare, che
Sabato 29 ottobre 2016 ore 11.00, presso il “giardino del ricordo” all’interno del Cimitero di Venezia, sull’ isola di San Michele. avrà luogo la dispersione delle ceneri di Tudy in laguna come dal lei espressamente richiesto.

La cerimonia, breve e aconfessionale e’ aperta a tutti, gli amici leggeranno brani dei suoi libri e si ascolterà musica dal vivo.

L’isola di San Michele e’ raggiungibile da P.le Roma e Ferrovia in circa 40 minuti, con i vaporetti 5.2 , 4.2 e 4.1 fermata “Cimitero”. In caso di maltempo si sosterà nel chiostro della Chiesa adiacente, sulla stessa isola.

Una semplice e corale cerimonia per onorare una Donna forte e insieme vulnerabile nella sua volontà, mai venuta meno, di salvaguardare la bellezza, l’integrità della Laguna, alla quale vuole restituire le sue ceneri, affinché l’acqua salata che le riceverà possa donarle sapiente e riconoscente riposo.

Andreina Corso

24/10/2016


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here