21.8 C
Venezia
mercoledì 23 Giugno 2021

Modifica della legge lavori gravosi e rottamazione Legge Fornero

HomeLettereModifica della legge lavori gravosi e rottamazione Legge Fornero

Oramai siamo in campagna elettorale , se il Renzi prende il treno i sindacati si svegliano dal lungo letargo e riscoprono gli scioperi e la piazza necessari per riprendere consensi e tirare la volata al governo amico che si insedierà nel 2018 , lo si sa gia’ i sindacati sono altro che una palestra per futuri politici a spese dei lavoratori-iscritti.

La Riforma Fornero ha regalato ai lavoratori l’allungamento del età pensionabile con penalizzazione , eh si perchè se hai lavorato da giovane e hai sempre versato ma hai un età inferiore a quella richiesta vieni derubato dei tuoi sacrifici e chi lo fa è legalizzato ed è lo stato colui che dovrebbe garantire l’imparzialità e tutela dei suoi concittadini-contribuenti tutto questo è assurdo.

Un sistema portato al collasso da questi soloni di politici che poi si spacciano come professionisti della politica che tagliano, aumentano a loro piacimento ma non si abrogano nessun privilegio e quindi la legge ops le riforme strutturali riguardano solo i plebei della repubblica ossia i cittadini-lavoratori .

Dopo averci regalato la fusione dell’Indap oramai decotto con l’Inps ora pieno di debiti ci rifilano l’allungamento dell’aspettativa di vita e quindi aumento dell’età pensionabile e allora tutti a rincorrere per entrare nelle categorie dei lavoratori gravosi , ma ci rendiamo conto della popolazione demografica aziendale che andrà a formarsi , ossia avremmo aziende trasformate in ospizi con conseguente aumento di spese dovuto alla crescente domanda di malattia che sarà inviata all’ente.

Quindi risolviamo immediatamente il problema 35 anni di contributi e si va in quiescenza meritata senza ricorrere a cavilli e i denari andiamo a prenderli a chi ha cagionato questa rovina del sistema pensionistico italiano in primis la classe dirigente politica e i vari dirigenti dello stato .

Bragatto Gianluca

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor