Pugni a Mirano tra 17enni per un Whatsapp

ultima modifica: 26/05/2015 ore 14:42

174

pronto soccorso LARGE

sponsor

C’era una volta, il duello per contendersi il cuore della dama. Un oltraggio, un libro galeotto e un guanto che sfidava il rivale. Ora, i tempi sono cambiati e basta un messaggio in più su Whatsapp per far scattare qualcosa molto simile ad un’aggressione.
E’ accaduto qualche giorno fa a Mirano tra due 17enni, dove i continui litigi per il cuore di una ragazza si sono risolti tra pugni e querele.
Un’amicizia, la loro, incrinata da tempo, ma che doveva comunque cercare di mantenere una sorta di rapporto visto che sono compagni di classe.
Questa volta, però, uno dei due ha deciso di passare alle maniere forti, tutto perché l’altro aveva deciso di mandare lo screenshot di un messaggio privato del compagno di classe in una chat a cui partecipavano anche altri ragazzi.
E così di pomeriggio lo ha affrontato, furibondo, e gli ha sferrato un colpo al volto.
Nessuno dei loro amici e compagni ha deciso di intervenire, lasciando che i due se la sbrigassero.
L’aggressore, comunque, forse impaurito dal suo gesto, è subito scappato. L’altro è rimasto sul marciapiede con il volto tra le mani, soccorso da una signora della zona che aveva assistito alla scena.
Il ragazzino è stato accompagnato in ospedale dove gli è stata diagnosticata una prognosi di tre giorni.
Tornato a casa con un occhio nero, il padre ha deciso di sporgere denuncia.

sponsor

Sara Prian

24/05/2015


Riproduzione vietata

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here