Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
12.1C
Venezia
lunedì 01 Marzo 2021
HomeCittà Metropolitana di VeneziaMira, spende i soldi della “Cassa peota” e inventa rapina: via 18.000 euro

Mira, spende i soldi della “Cassa peota” e inventa rapina: via 18.000 euro

Mira, spende i soldi della “Cassa peota” e simula una rapina: via 18.000 euro

Affidare i propri risparmi a improvvisati “broker” può portare a conseguenze nefaste, come è successo a Mira ad alcuni residenti che avevano aderito ad una cosiddetta “cassa peota”, ovvero la raccolta di denaro su base volontaria – molto spesso organizzata a livello “amici del bar”, da affidare ad una persona che si ritiene fidata e che promette di farla fruttare con la redistribuzione poi di una certa plusvalenza.

Il cassiere, però, questa volta è infedele e invece di investire il denaro per farlo fruttare, lo spende per aiutare un parente in difficoltà con il negozio, si sa la crisi economica morde ed i fornitori devono essere pagati. Il denaro, insomma, sparisce.

Per nascondere la malefatta, ne nasce una ancora più grossa: il 55nne mirese inscena una rapina da parte di due malfattori, che lo aggrediscono per strada e si fanno consegnare il denaro della peota.

E così denuncia il fatto ai Carabinieri di Mira, pochi giorni prima di Natale i 18.000 Euro spariscono rubati da due rapinatori, che lo aggrediscono e gli procurano persino ferite con le percosse, medicate al Pronto Soccorso di Dolo.

Già il racconto presenta palesi incongruenze, l’uomo – di fronte a tale aggressione – non chiama l’aiuto di nessuno e non sa descrivere i due aggressori, pur ammettendo che non erano né armati e tantomeno travisati. I sospetti iniziali dei Carabinieri vengono fugati dopo una attenta attività di indagine svolta nelle settimane successive e che ha portato alla ricostruzione della realtà dei fatti. Di fronte alle contestazioni sempre più pressanti, l’uomo crolla e “vuota il sacco”, si è inventato tutto per nascondere la “distrazione” del denaro per fini famigliari.

Invece che l’informativa per il reato di rapina contro ignoti, scatta quindi la denuncia in stato di libertà per simulazione di reato dello sprovveduto, che – come se non bastasse – deve ora rendere conto agli amici del bar dell’ammanco.

30/01/2015

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.