Milan in crisi, Inzaghi rischia, ora arriva pure Sacchi

ultimo aggiornamento: 20/01/2015 ore 06:30

207

Milan in crisi, Inzaghi rischia

Milan in crisi, per questo ieri seduta “terapeutica” a Milanello, dove il dottor Adriano Galliani ha provato ad analizzare con il paziente i motivi della crisi. Di personalità, di identità, di gioco.
La crisi rossonera, come sempre, va definita dentro l’ambito dei numeri: 14 punti nelle prime 7 gare e 12 nelle successive 12.
Ieri a Milanello il faccia a faccia per esaminare la gara con l’Atalanta e fare il punto con la società alla fine del girone d’andata.

Le cronache parlano di un presidente Silvio Berlusconi molto arrabbiato, tanto da decidere domenica sera, di spostare tutti i discorsi politici in programma. Berlusconi, per cominciare, era poco convinto dello scambio Torres (acquisto che lui aveva caldeggiato in estate) – Cerci.
La partita contro l’Atalanta, con il falso nove Ménez che non concretizza certo i suoi desideri, ha moltiplicato i suoi dubbi.


«Capisco che non sono più i tempi in cui si vinceva a Barcellona, ma è inaccettabile perdere contro squadre con calciatori che guadagnano cinque volte meno dei nostri», ha tuonato ieri Berlusconi.
Parole pesanti che vogliono dire tante cose, come, ad esempio, che non è più il tempo di guerre societarie, che i giocatori non stanno producendo abbastanza secondo il loro rango, ma anche che il problema del Milan non è l’organico, concetto ripreso da Galliani ad allenatore e squadra.

Milan in crisi ma Inzaghi non è in discussione, anche questo è il senso dell’incontro di ieri. E’ stato visto che cambiare tecnico a ogni girone di campionato (dopo il terremoto Allegri-Seedorf dello scorso anno) è una scelta pericolosa.
Pippo Inzaghi, piuttosto, si trova ora davanti le prossime due sfide contro la Lazio, sabato a Roma, e il martedì successivo a San Siro in Coppa Italia, come momenti decisivi.

Inzaghi sa di essere sotto speciale osservazione, lo ha capito: in altre circostanze Galliani aveva bacchettato solo i giocatori, ieri ha voluto la presenza di tutti.
Arrigo Sacchi, come se non bastasse, è in arrivo, ufficialmente come supervisore del settore giovanile, ma dopo che sei lì, vuoi non dare qualche consiglio?


Roberto Dal Maschio

[20/01/2015]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here