lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Migranti, SOS nella notte e le ‘pressioni’ di Alarm Phone

HomeMigrantiMigranti, SOS nella notte e le 'pressioni' di Alarm Phone

Migranti: sbarchi a Lampedusa, hotspot pieno. Sindaco: "Una nave per la quarantena"

Migranti, sbarchi e doveri marittimi: dibattito sempre aperto mentre l’hotspot di Lampedusa va in tilt e nella notte arriva un altro SOS di Alarm Phone.

Cos’è Alarm Phone?
Dal loro sito: “Watch The Med Alarm Phone è stato creato nell’ottobre del 2014 da reti di attivisti e attori della società civile in Europa e Nord Africa. Il progetto ha istituito un numero di emergenza auto-organizzato per migranti in difficoltà nel Mar Mediterraneo. Il nostro obiettivo principale consiste nell’offrire una più ampia visibilità all’SOS dei migranti in difficoltà. Alarm Phone documenta la situazione, informa le guardie costiere e, quando necessario, mobilita ulteriori possibilità di soccorso in tempo reale. In questo modo possiamo, almeno in una certa misura, esercitare pressione sulle entità responsabili per il salvataggio affinché si evitino respingimenti e altre forme di violazioni dei diritti umani nei confronti di migranti in mare”.

Il loro ultimo allarme è di questa notte. Novantacinque persone su una barca in avaria in zona Sar maltese. Il motore dell’imbarcazione fuori uso.

E’ l’ennesimo SOS nel Mediterraneo. Un bollettino che col passare delle ore si fa sempre più drammatico e descrive il terrore dei migranti a bordo nell’indifferenza delle autorità di Malta, sorde alle richieste di aiuto. “Dicono di non poter rimuovere l’acqua dalla barca perché é sovraffollata. Urlano: ‘stiamo morendo!'”, scrive l’organizzazione.

“Il mercantile Maridive230 è a circa 20 miglia dalla barca e potrebbe ricevere ordine di soccorrere ma le forze armate maltesi non rispondono alle nostre chiamate”.
“Il soccorso è un dovere”, twitta Alarm Phone che esorta Italia e Malta a “smetterla di giocare con le vite” dei migranti, mentre l’imbarcazione procede verso le coste italiane dove gli arrivi dall’Africa non si arrestano.

Solo la scorsa notte 13 tunisini sono stati fermati dai carabinieri sugli scogli di Linosa e altri 15 sono stati intercettati su un barchino, dalla Guardia costiera, nelle acque davanti Lampedusa.

Sbarchi che mandano in tilt l’hotspot della maggiore delle Pelagie in cui fino a 24 ore fa erano ospitate 1.027 persone: dieci volte il numero di migranti che la struttura può accogliere.

Una situazione di emergenza su cui il sindaco dell’isola Totò Martello da giorni tenta richiama l’attenzione del Governo.

I trasferimenti dal centro di contrada Imbriacola sono cominciati ieri sera: col traghetto di linea per Porto Empedocle sono partiti 80 immigrati.

Dal molo Favarolo, già in nottata, sono stati portati via anche i 15 che erano stati soccorsi dalla Guardia costiera.

Nelle prossime ore verranno trasferiti, con una motovedetta, da Linosa a Lampedusa, pure i 13 tunisini bloccati sulla terraferma e altri 200 profughi verranno imbarcati sulla nave per Porto Empedocle.

Sempre oggi, poi, il pattugliatore della Guardia di Finanza che è giunto a Lampedusa nel tardo pomeriggio di ieri, dovrebbe trasferire altri 170 migranti.

Dal Cpa intanto hanno fatto sapere che tutti i tamponi a cui erano stati sottoposti i 25 migranti sbarcati, risultati positivi, con test sierologico, al Covid-19, hanno dato esito negativo. Nessuno degli ospiti dell’hotspot è affetto dal virus.

Una buona notizia per il sindaco di Lampedusa, Totò Martello che, dopo l’allarme lanciato dal sindacato di polizia Fsp su possibili presenze di malati di Covid, ha parlato di “fake news” ed annunciato la presentazione di una denuncia per procurato allarme.

Due casi di Covid sono stati accertati invece nell’hotspot di Pozzallo, nel Ragusano.

Tutto ciò mentre una donna africana incinta, trasferita per accertamenti a Palermo, è stata trovata positiva al virus e portata all’ospedale Cervello dove pazienti, medici e infermieri verranno sottoposti al tampone per precauzione.

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".