Migranti positivi al Covid: presto nave per quarantena

ultimo aggiornamento: 13/07/2020 ore 21:22

206

Centro migranti di Cona: tre prefetti rinviati a giudizio

Migranti positivi al Covid: una soluzione si avvicina all’orizzonte ed ha la forma di una nave.

Arriva una procedura veloce per trovare nel giro di due-tre giorni un’altra nave da destinare alla quarantena dei migranti positivi al coronavirus.

Ad avviarla oggi – si apprende – è stato il soggetto attuatore per la materia, Michele Di Bari, capo Dipartimento delle Liberta’ civili e dell’immigrazione del ministero dell’Interno. Si attendono risposte nel giro di due-tre giorni.

Se non ci emergeranno offerte dal mercato, il Viminale virerà sul ‘piano B’ e cercherà strutture a terra – come sedi militari – per assicurare l’isolamento dei contagiati che sbarcano.

Della procedura è stato informato il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’obiettivo del Viminale è che arrivino rapidamente risposte dal mercato, vista l’impennata di sbarchi di luglio.

Ma il periodo non è dei più favorevoli: servono navi con precise caratteristiche, spazi e servizi igienici adeguati. Non ce ne sono nella disponibilità dello Stato, per questo è statO attivato un bando veloce, confidando che giungano manifestazioni d’interesse.

Per l’unica ‘nave-quarantena’ attualmente in attività, la Moby Zazà, che si trova a Porto Empedocle, la concessione – in scadenza – è stata prorogata per altri 10 giorni in modo da concludere l’isolamento sanitario dei migranti ora ospitati.

L’alternativa alle navi sarà quella di trovare strutture adatte a terra, che diano garanzie dal punto di vista della protezione dall’esterno e non facciano scattare ‘rivolte’ come ad Amantea (Cosenza).
Il Viminale pensa quindi a sedi militari, come caserme, che saranno vigilate con un dispositivo rafforzato.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here