Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
7.3C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeNotizie NazionaliMigranti, il consigliere Onu: possibili partenze di un milione dalla Libia"

Migranti, il consigliere Onu: possibili partenze di un milione dalla Libia”

Migranti, il consigliere Onu: possibili partenze di un milione dalla Libia"

Migranti, arrivi aumentati del 55% Il Viminale chiama a raccolta: servono subito altri 15 mila posti. Così, con una circolare, viene sollecitata la massima urgenza nel reperimento di altri 15 mila posti. Una situazione grave che potrebbe diventare emergenza nelle prossime settimane: nei primi tre mesi e mezzo del 2016 il numero degli arrivi è aumentato del 55% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Siamo a quota 23.957 persone giunte in Italia, quattromila in più anche del 2014 che fu l’anno record degli sbarchi.

Una situazione grave che potrebbe diventare disastrosa domani. C’è un milione di “potenziali migranti” in Libia, tutti africani che dopo la rivoluzione del 2011 hanno perso il lavoro visto il caos in cui versa il Paese.
Quest’anno si registra un netto incremento delle partenze dalle coste libiche verso l’Italia e – se non si interviene – alla fine del 2016 si potrebbero contare 250mila arrivi, il doppio di quelli del 2015. Lo dice uno che il Paese nordafricano lo conosce molto bene e che da mesi negozia con i capi delle innumerevoli milizie attive sul territorio con l’obiettivo di portarli a sostenere un Governo di unità nazionale.

Paolo Serra, consigliere militare dell’inviato speciale Onu in Libia, Martin Kobler, ha parlato ieri in audizione al Comitato Schengen e successivamente alle commissioni riunite Esteri e Difesa di Senato e Camera.
La Libia è un Paese di 6 milioni di abitanti che negli anni ha attratto un gran numero di migranti dall’Africa subsahariana. “Prima – ha sottolineato il generale Serra – questi flussi si fermavano in Libia, dove trovavano lavoro come manodopera, visto che la maggioranza dei libici erano impiegati statali e vivevano dei proventi del petrolio. Ma dopo il 2011 l’estrazione petrolifera in Libia è scesa da 1,8 milioni a 300 mila barili al giorno, l’agricoltura è stata abbandonata ed il Paese non ha più la capacità di assorbire questo milione di persone che dunque sono potenziali migranti”.

I primi dati del 2016 segnalano un netto aumento delle partenze. “L’anno scorso – ha osservato l’ufficiale – 154mila migranti sono usciti dalla Libia e di questi 120mila, secondo l’Oim, sono andati verso l’Italia. A gennaio 2016 c’è stato un incremento da 3.000 a 5.200, quasi un raddoppio. Se tanto mi dà tanto possiamo arrivare quindi a fine anno a 250mila se non si facesse nulla, ma qualcosa la comunità internazionale la deve fare”.

Paolo Serra ha poi segnalato che i flussi migratori in partenza dalla Libia possono rappresentare anche “una minaccia alla sicurezza: all’interno potrebbero esserci infatti cellule dormienti, anche se finora non c’è stata alcuna evidenza”.

Mario Nascimbeni

14/04/2016

(cod migrata)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...