venerdì 21 Gennaio 2022
7.4 C
Venezia

Michela uccisa a coltellate in auto, poi Mattia l’ha fatta finita

HomeCronacaMichela uccisa a coltellate in auto, poi Mattia l'ha fatta finita

Michela uccisa a coltellate in auto, poi Mattia l'ha fatta finita

Lui era disperato. Mattia Di Teodoro l’aveva seguita, pedinata, anche con il gps, e aveva scoperto che lei aveva un’altra relazione.
Lei aveva confermato, e da «ragazzone buono e mite» Mattia si è trasformato in killer. «Ti devo restituire alcuni vestiti e un paio di valige», aveva detto a Michela. Non era vero. In auto aveva nascosto due coltelli. Prima di uscire l’ultimo messaggio, appeso alla porta. «Spero di riuscire a morire dopo quello che farò. Scusate tutti per il dolore che vi sto causando non sono malato sono stato solo ferito a morte e lasciato in un angolo».

Si interrompe così, tragicamente, la storia tra Mattia e Michela, Uccisa a coltellate dall’ex marito, incapace di accettare la fine della loro storia e accecato dalla gelosia.
Michela Noli, 31 anni, è stata trovata senza vita ieri sera in una Citroen Ds parcheggiata in via dell’Isolotto, in una zona isolata lungo l’Arno, alla periferia di Firenze. Accanto al suo il corpo senza vita dell’uomo, accasciato sul sedile lato guida.

Mattia Di Teodoro, 33 anni, dopo averle tolto la vita con oltre 20 fendenti ha rivolto verso di sé il coltello e si è suicidato: si è tagliato la gola e poi si è piantato il coltello nell’addome. A casa ha lasciato un biglietto in cui spiega le motivazioni del gesto che si apprestava a compiere, dove racconta di quando aveva scoperto che Michela lo tradiva e di come aveva intenzione di ucciderla. Ci sono anche le scuse, sia ai genitori sia agli ormai ex suoceri.

Nel corso della giornata aveva mandato messaggi a un amico, in cui diceva di voler uccidere la donna. Un ‘allarme’ che l’amico non ha preso sul serio, pensando a cose dette per sfogarsi. Poi, poco prima di aggredirla, l’ultimo sms: “L’ho uccisa” gli avrebbe scritto, anticipando la tragedia. E’ stato a questo punto che l’amico ha deciso di avvisare la polizia, facendo scattare le ricerche.

Il 33enne, impiegato nella tipografia di famiglia, era conosciuto come un uomo mite, anche se incline a sbalzi d’umore. È andato a casa dei suoceri, dove lei si era trasferita, e l’ha invitata a salire in auto con la scusa di restituirle una valigia con alcuni vestiti, poi trovata nell’auto. L’ha portata in un luogo appartato, probabilmente per discutere i dettagli della separazione. Poi ha chiuso dall’interno le portiere dell’auto e prima di suicidarsi l’ha uccisa brutalmente.

L’ha colpita all’addome e alla gola con un grosso coltello da cucina che si era portato da casa. Un altro identico è stato trovato sotto un sedile. Michela ha tentato di difendersi con tutte le sue forze, come dimostrano i colpi sulle braccia. Il cellulare lo aveva lasciato a casa, non potendo immaginare che cosa sarebbe accaduto.

La donna lavorava da anni come addetta al check-in all’aeroporto di Firenze. Nelle scorse settimane si sarebbe lamentata con le colleghe dei continui messaggi sul cellulare che gli inviava l’ex, da cui aveva deciso di separarsi poco più di un mese fa, lasciando la casa e trasferendosi dai genitori.

Aveva così iniziato una relazione con un collega di lavoro. Circostanza che avrebbe evitato di dire a Mattia, assicurandogli che si trattava di un flirt ormai chiuso. Ieri mattina però Di Teodoro si è presentato a casa del nuovo compagno e qui li ha trovati insieme: ha parlato con loro, dando l’impressione di essere tranquillo.

La donna gli avrebbe ribadito che il loro matrimonio era finito, e lui avrebbe reagito dandole una pacca sulla spalla e augurandole il meglio per il futuro. Poi è tornato a casa e qui qualcosa è scattato nella sua testa: prima l’ha tempestata nuovamente di sms e poi è partito per ucciderla.

Il pm Vincenzo Ferrigno ha disposto l’autopsia. Servirà a chiarire il numero dei colpi inferti sulla donna e anche come si è ucciso lui. Altro da ricostruire non sembra esserci.

Redazione | 17/05/2016 | (Photo d’archive) | [cod matrima]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...