23.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Mestre, violenze alla moglie, maltratta i poliziotti: finisce in carcere

HomeUncategorizedMestre, violenze alla moglie, maltratta i poliziotti: finisce in carcere

Mestre, violenze alla moglie, maltratta i poliziotti: finisce in carcere

Una donna ha chiamato il 113 ieri dalla propria abitazione in Mestre, chiedendo aiuto perché proprio in quel momento il marito la stava picchiando.

Due le Volanti della Questura immediatamente, raggiunte anche da un equipaggio del NORM dei Carabinieri. Si appurava immediatamente, sul posto, che la donna era stata effettivamente maltrattata dal marito e convivente.

L’uomo dimostrava fin da subito un atteggiamento ostile ed aggressivo anche nei confronti dei poliziotti operanti, dapprima gridando dalla finestra, nei loro confronti, insulti con linguaggio volgare, e successivamente, all’interno dell’appartamento, proferendo minacce di morte rivolte sia nei confronti degli esponenti delle forze dell’ordine, sia nei confronti della moglie.

Opponeva, inoltre, violenta resistenza ai poliziotti che tentavano di bloccarlo per arginarne la pericolosità.

I poliziotti riuscivano infine a bloccare l’uomo, che veniva tradotto presso gli uffici della Questura, ove si procedeva al suo formale arresto per resistenza a pubblico ufficiale e maltrattamenti, anche pregressi, alla donna, che lo denunciava.

Veniva, inoltre, deferito all’autorità giudiziaria anche per minacce aggravate ed oltraggio a pubblico ufficiale.

L’uomo è stato tradotto presso il Carcere di Santa Maria Maggiore, nelle more dell’udienza di convalida dell’arresto che si è tenuta nella mattinata odierna: l’autorità giudiziaria ha convalidato la misura ed ha disposto il mantenimento in carcere del soggetto, rinviando a successiva udienza per giudizio direttissimo.

31/10/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.