Mestre, stranieri ladri acrobati entrano dal lucernario, ma i poliziotti rovinano loro la festa

ultimo aggiornamento: 16/08/2015 ore 10:51

238

mestre stranieri ladri acrobati entrano dal lucernario

Un’ alba di Ferragosto decisamente movimentata per i poliziotti della Questura di Venezia.
Alle 5 del mattino, una segnalazione giunta al 113 da parte di un residente, richiedeva l’invio di una volante perché da un appartamento al quarto piano di una palazzina di via Borsi giungevano dei rumori decisamente sospetti.

Al loro arrivo, i poliziotti della Volante, entrando nella palazzina e posizionandosi sulla tromba delle scale, sentivano chiaramente dei colpi con una cadenza ritmica provenire da uno degli appartamenti ai piani superiori. Salendo le scale individuavano così al quarto ed ultimo piano l’origine dei rumori, e si appostavano al buio per capire con certezza cosa stesse succedendo.


Pochi minuti dopo, con le luci ancora spente, la porta dell’appartamento si apriva ed un uomo usciva dallo stesso, venendo però immediatamente bloccato ed immobilizzato. Analoga sorte toccava a breve ad un altro complice, ancora “impegnato” nell’appartamento, mentre un terzo soggetto riusciva ad arrampicarsi sul tetto da una botola, tentando la fuga, prima di venire anche esso coraggiosamente bloccato, quando ancora si trovava sul tetto, da uno degli operatori. Per consentire la discesa in sicurezza del ladro e del poliziotto che lo aveva bloccato si rendeva utile addirittura l’intervento dei Vigili del Fuoco con l’utilizzo di una scala telescopica.

Una volta neutralizzati i ladri, entrando nell’appartamento i cui proprietari si trovano all’estero in vacanza, i poliziotti non potevano che constatare l’ottima organizzazione dei criminali: il gruppo si era infatti introdotto nell’appartamento dapprima salendo sul tetto tramite un lucernario in cima all’ultimo ramo di scale, e da lì si era calato sul terrazzo dell’appartamento scassinando una porta finestra per accedere all’interno.

I tre avevano a loro disposizione una fornitissima cassetta di attrezzi, con strumenti da effrazione di ogni tipo, e vicino alla porta dell’appartamento erano già stati collocati tre borsoni con refurtiva varia proveniente dalla casa, pronti per essere portati fuori.


Ma soprattutto, nel giro di alcuni minuti i tre ladri erano quasi riusciti ad asportare dal muro la cassaforte (foto). Al fine di attutire per quanto possibile i rumori provenienti dall’appartamento avevano addirittura disposto dei tappeti di gommapiuma sul pavimento, al di sotto del punto in cui stavano operando; tanta attenzione per i dettagli non ha comunque impedito che i tre venissero assicurati alla giustizia.

I tre, due cittadini georgiani di 41 e 32 anni ed un russo di 41, con diversi precedenti per reati contro il patrimonio, sono stati immediatamente arrestati e verranno processati per direttissima nella giornata odierna.

15/08/2015

Mestre, stranieri ladri acrobati entrano dal lucernario, ma i poliziotti rovinano loro la festa

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here