23.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Mestre, tenta la spaccata per arraffare telefoni e tablet. Arrestato senegalese

HomeMestre e terrafermaMestre, tenta la spaccata per arraffare telefoni e tablet. Arrestato senegalese

Mestre, tenta la spaccata per arraffare telefoni e tablet. Arrestato senegalese

Verso le ore 6.00 di questa mattina, personale della Squadra Volanti dell’UPGSP della Questura di Venezia, ha tratto in arresto S.M., cittadino senegalese di anni 42, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e sugli stupefacenti, resosi responsabile di tentato furto all’interno di un negozio di telefonia.

In particolare, l’uomo, verso le ore 5.30, era stato notato da una testimone nell’atto di sfondare la vetrina di un negozio di telefonia, sito in via Piave a Mestre, mediante l’utilizzo di un palo in ferro normalmente utilizzato per delimitare i passi carrai.

La testimone, a quel punto, aveva contattato il 113 fornendo una dettagliata descrizione del soggetto e la sala operativa aveva fatto convergere immediatamente sul posto due equipaggi della Sezione Volanti presenti sul territorio.

La tempestività dell’intervento consentiva di sorprendere il pregiudicato all’interno del negozio nell’atto di impadronirsi di quanti più apparati cellulari possibili.

La conseguente perquisizione a suo carico permetteva di sequestrare uno zainetto contenente alcuni dei telefoni già sottratti dagli espositori (che venivano restituiti al proprietario del negozio), il passaporto di un connazionale del cui possesso non sapeva fornire giustificazione, nonché una modica quantità di sostanza stupefacente.

S.M. è stato, quindi, tratto in arresto poiché colto nella flagranza di furto aggravato, nonché indagato in stato di libertà per ricettazione e segnalato all’Autorità Amministrativa per la modica detenzione di sostanza stupefacente.

22/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.