COMMENTA QUESTO FATTO
 

Mestre: rapina nel sottopassaggio con coltello da cucina, arrestati marocchino e tunisino

Venezia-Mestre: rapina nel sottopassaggio ciclopedonale della stazione ferroviaria di Mestre. La polizia arresta un marocchino e un tunisino. Un’altra rapina a Mestre ai danni di chi camminava pacificamente.

Nel pomeriggio di giovedì a Mestre un cittadino marocchino, B.M., residente a Marcon, è stato rapinato del proprio cellulare mentre stava percorrendo il sottopassaggio ciclopedonale della stazione ferroviaria.

Inizialmente ad aggredirlo è stato un suo connazionale, B.K di 19 anni, che, cogliendolo di sorpresa, lo ha bloccato minacciandolo con un coltello da cucina e il suo complice T.O di 20 anni, di origine tunisina, si è così avvicinato alla vittima, gli ha strappato dalle mani lo smartphone, lo ha colpito al volto con una violenta gomitata per poi fuggire velocemente.

Subita la rapina, B.M. è riuscito a chiamare gli agenti della Squadra Volante che grazie ad indagini mirate sono riusciti in breve tempo ad individuare i due criminali che sono stati condotti presso gli uffici della locale Questura, dove a seguito di perquisizione, è stato rinvenuto il telefono oggetto della rapina che prontamente è stato restituito al legittimo proprietario.

B.K e T.O., entrambi irregolari e con numerosi precedenti di polizia, sono stati arrestati.

Venerdì il Tribunale di Venezia nell’udienza di convalida ha scarcerato T.O. mentre per B.K. il Giudice ha concesso i termini della difesa e ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere in attesa del processo che si terrà il 19 luglio p.v.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here