8 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Mestre, minorenni vedono divise e si danno alla fuga finita contro rotatoria dopo inseguimento mozzafiato

HomeSicurezzaMestre, minorenni vedono divise e si danno alla fuga finita contro rotatoria dopo inseguimento mozzafiato
la notizia dopo la pubblicità

Jesolo, anziano truffato e abbandonato per strada: guardia privata lo soccorre e li fa arrestare

Nella serata di sabato 4 agosto, gli uomini delle volanti, durante il servizio di pattugliamento si sono imbattuti in un’autovettura che alla vista dei poliziotti accelerava bruscamente per darsi ad una spericolata fuga, andando ad imboccare via F.lli Bandiera, direzione Malcontenta, contromano.

L’inseguimento si è protratto per un lunghissimo tragitto, andando ad interessare diversi comuni della Riviera del Brenta: Malcontenta, Oriago, Mira, Dolo, Cazzago per poi tornare nuovamente verso Dolo dove è terminata la pericolosa fuga, solo quando l’auto in fuga ha impattato nella rotatoria di Cà Tron, coinvolgendo anche la volante.

Durante tutto il tragitto i soggetti compivano manovre pericolosissime con l’obiettivo di mandare fuori strada la volante o di farla scontrare con gli altri veicoli. Solo la bravura degli operatori ha scongiurato un tragico epilogo della vicenda in quanto la condotta dei rei è stata tale da mettere in pericolo sia gli utenti della strada che gli stessi poliziotti.

Dopo l’impatto, dall’auto in fuga scendevano quattro persone, una delle quali è stata immediatamente bloccata dagli operatori e identificata per G.A.M., un giovane italiano di soli 16 anni.

Nonostante i traumi riportati, gli uomini della Volante, con l’ausilio delle altre pattuglie, proseguivano i controlli e riuscivano a rintracciare altri due occupanti del mezzo in fuga: C.E., di 17 anni, e A.A.V., neomaggiorenne, tutti italiani. Inoltre, dagli accertamenti effettuati l’auto è risultata rubata pochi giorni fa.

Tutti i soggetti, portati in Questura e identificati, sono stati denunciati per ricettazione in concorso e resistenza a P.U.

Dalle attività successive è risultato anche che uno dei tre giovani era sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e per questo condotto presso l’ospedale di Dolo dove gli venivano diagnosticati attacchi di panico e stati ansiosi dovuti all’assunzione di droghe.

Nel corso dell’intervento veniva danneggiata anche l’auto di servizio e gli operatori, visitati al Pronto Soccorso, hanno riportato diversi traumi, entrambi con prognosi di 15 giorni.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".
spot

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...
Advertisements

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...