Mestre, furti in casa: Polizia blocca ladro all’opera

ultima modifica: 24/11/2020 ore 07:08

284

Mestre, furti in casa: Polizia blocca ladro all'opera

Nel pomeriggio di ieri la Squadra Volanti della Questura ha portato a termine una brillante operazione, all’esito della quale è stato arrestato e condotto in carcere un veneziano di 37 anni, C.A., conosciuto dalle forze dell’ordine in quanto sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S.
Alle 15.30 le Volanti sono intervenute in Via Monte Nero di Mestre, per la segnalazione di una persona sospetta che si aggirava tra le abitazioni della zona.
Le pattuglie intervenute, coordinate dalla Sala Operativa, sono riuscite ad individuare


rapidamente l’abitazione presa di mira dal soggetto e a sorprendere l’autore ancora dentro casa, intento a raccogliere oggetti di valore.
L’uomo, alla vista degli operanti, ha tentato di fuggire da una delle porte sulla strada, ma è stato bloccato dagli agenti a bordo di una delle volanti intervenute che, prevedendo la possibile via di fuga, si erano posizionati in modo strategico.
Dagli ulteriori accertamenti è emerso che l’uomo, sottoposto alla misura della Sorveglianza Speciale di P.S. emessa dal Tribunale di Venezia, nella mattinata precedente aveva venduto alcuni oggetti in argento,

che sono stati sequestrati in quanto di sospetta provenienza furtiva. Arrestato per furto in abitazione e denunciato per ricettazione, il soggetto è stato condotto in carcere a disposizione del PM.
Si sta cercando ora di risalire ai proprietari degli oggetti preziosi venduti, per verificare se siano estati effettivamente oggetto di furto e, nel caso, restituirli al legittimo proprietario.
Chi li riconoscesse nelle foto, è invitato a contattare la Squadra Volanti della Questura di Venezia tramite centralino 0412715511.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here