3.1 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

18enne tunisino ruba a 16enne e poi minaccia agenti: “Vi rubo le pistole e vi sparo”

Homebaby gang18enne tunisino ruba a 16enne e poi minaccia agenti: “Vi rubo le pistole e vi sparo"
la notizia dopo la pubblicità

mestre 18enne tunisino ruba minaccia agenti

Mestre, 18enne tunisino scatenato come una furia: prima ruba a un ragazzino e poi minaccia gli agenti. “Se entrate vi rubo le pistole e vi sparo come ha fatto il colombiano di Trieste!”.

Ad averlo urlato agli agenti di polizia, nella Questura di Venezia, un tunisino di 18 anni che poche ore prima aveva derubato, minacciato e picchiato un ragazzo poco più giovane di lui, di 16 anni. Con l’aggressore, in quel momento, c’era anche una ragazzina di appena 12 anni.

Non si può parlare di “baby gang”, anche se la giovane età dei protagonisti della vicenda ha subito riportato alla mente gli episodi di violenza giovanile che avevano colpito il territorio veneziano.
Ciò che colpisce infatti, è la reazione violenta con cui il giovane si è scagliato contro il ragazzino e poi contro i poliziotti, arrivando a minacciarli di morte.

“DAMMI I SOLDI O TI TAGLIO LA GOLA”, LA RAPINA AL 16ENNE
Mercoledì un ragazzo di 16anni si presenta in lacrime negli uffici della Sezione di Polizia Ferroviaria di Mestre, è in stato di agitazione e riferisce agli agenti di aver subito il furto di una piccola somma di denaro in contanti, di esser stato minacciato e preso a calci da un ragazzo poco più grande di lui.

Un cittadino straniero, racconta il 16enne, in compagnia di una ragazza molto giovane, lo aveva avvicinato per rubargli una banconota da 20 euro, minacciandolo di morte se avesse opposto resistenza: “Dammi i soldi o ti taglio la gola”.

Il tunisino 18enne, dopo aver rubato questi 20 euro, non si accontenta e dà sfogo alla violenza, prendendo ugualmente a calci il 16enne derubato.

RINTRACCIATO L’AGGRESSORE
Gli agenti di Polizia, sulla base delle descrizioni fornite dalla vittima, riescono a rintracciare il responsabile dell’aggressione vicino alla stazione ferroviaria, mentre si allontana e cerca di confondersi tra i passanti: si tratta di un tunisino di 18 anni, con precedenti penali specifici e già condannato per un episodio simile nel mese di luglio.

MINACCE AGLI AGENTI
L’aggressore viene fermato e accompagnato negli uffici Polfer, dove presenta fin da subito segni di insofferenza al controllo, che sfociano in veri e propri atti di danneggiamento. Il giovane fa il diavolo a quattro, rompe una porta della sala d’attesa e mette a soqquadro gli arredi dell’ufficio, con minacce di ogni genere contro agli operatori di Polizia.

Il ragazzo viene arrestato e condotto nelle camere di sicurezza della Questura di Venezia, dove però continua con l’atteggiamento violento contro gli agenti, arrivando anche ad urlare: “Se entrate vi rubo le pistole e vi sparo come ha fatto il colombiano di Trieste!”.


LA DIRETTISSIMA

Ieri il giudizio per direttissima ha visto il 18enne tunisino condannato a due anni di reclusione con pena sospesa e obbligo di firma.

La ragazza invece, che era in compagnia del tunisino, ha prima dichiarato di avere 16 anni, poi grazie al dialogo che gli operatori sono riusciti ad instaurare, ha rivelato di avere solo 12 anni e di vivere a Padova.

Una volta rintracciati i familiari e giunti negli uffici, sono stati informati dell’accaduto e della responsabilità genitoriale che incombe nei loro riguardi.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.