venerdì 21 Gennaio 2022
1.9 C
Venezia

Meningite, anche in Veneto richieste di vaccino aumentate drasticamente

HomeMeningiteMeningite, anche in Veneto richieste di vaccino aumentate drasticamente

Si stimano oltre seimila prenotazioni per i prossimi mesi che verranno utilizzati per rispondere in modo ampio alle esigenze di chi intende vaccinarsi contro la meningite

Meningite, anche in Veneto richieste di vaccino aumentate drasticamente

Il pericolo meningite ha attraversato tutto il periodo delle festività e allarmato la popolazione.
Anche il Servizio Sanitario veneziano, ha cercato di arginare il sentimento di paura di tanti cittadini colpiti dalla minaccia di poter esser contagiati da una malattia che disarma solo nel pronunciarla.

Tante le telefonate ai medici di base, agli ospedali e infinite le richieste di vaccinazioni. Si stimano oltre seimila prenotazioni per i prossimi mesi che verranno utilizzati per rispondere in modo ampio alle esigenze di chi intende vaccinarsi, soprattutto delle famiglie con bambini, che sono quelle che richiedono comprensibilmente più informazioni e tutela.

L’Usl 3 Serenissima raccomanda una certa razionalità della domanda e di affidarsi al medico di base per valutare la reale necessità della vaccinazione. Allo scopo ha potenziato sedi e orari del servizio.
Il Dipartimento di Prevenzione dell’azienda veneziana ha deciso di dar risposta vaccinale alle duemila richieste aggiuntive a quelle che normalmente si effettuano ogni anno.

La casistica italiana dei casi di meningite, sembra, a giudizio del dottor Luigi Nicolardi, Direttore del Dipartimento di Prevenzione dell’Usl 10 (Portogruaro, San Donà di Piave) non giustificare la paura collettiva, così come in realtà sta avvenendo, in quanto i casi di meningite vera e propria, che si sono verificati negli ultimi tempi, non sono superiori a quelli degli altri anni e assicura che la situazione è debitamente controllata, tanto da scongiurare effetti epidemiologici. In ogni caso la sua Usl provvederà a vaccinare 3500 persone fra adulti e bambini, tra gennaio e febbraio.

Tranquillizzano anche le affermazioni dell’Assessore Regionale alla Sanità Lucio Coletto, che condivide il pensiero e l’analisi del dottor Nicolardi, aggiungendo che la maggioranza dei casi registrati nei due ultimi anni riguardano la meningite da pneumococco, che non presenta caratteristiche di contagio e non richiede particolari profilassi sui contatti. In questo senso necessiterebbe forse una adeguata informazione per decongestionare l’irrazionale e pur legittima paura, per rinforzare la responsabilità individuale e dar vita ad una necessaria collaborazione nella prevenzione.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza