-1.6 C
Venezia
mercoledì 27 Gennaio 2021

Medici e infermieri, salgono morti e contagiati: “Ora basta a mani nude” e l’avvocato minaccia azioni legali

Home Coronavirus Medici e infermieri, salgono morti e contagiati: "Ora basta a mani nude" e l'avvocato minaccia azioni legali
sponsor

medici infermieri morti contagiati cause legali

sponsor

I medici di famiglia non ci stanno più a fare la conta dei colleghi morti per il Coronavirus per la carenza di dotazioni individuali di sicurezza. E dopo settimane in cui denunciano di avere a disposizione solo pochissime mascherine chirurgiche ciascuno e null’altro, annunciano di essere pronti a chiudere gli ambulatori.

commercial

Gli infermieri si uniscono alla richiesta e sollecitano i tamponi rendendo noto il bilancio in vertiginoso aumento di decessi e positivi al virus nella loro categoria: 25 morti e 5.500 contagiati.

La Federazione degli Ordini dei medici, che sabato ha contato l’80/o decesso si schiera al loro fianco: “Sono passati più di due mesi dalla data di dichiarazione dello stato di emergenza nazionale, il 31 gennaio. Eppure ancora oggi in particolare i medici di medicina generale, che costituiscono la prima linea nella gestione dei pazienti sul territorio, sono del tutto privi dei più basilari dispositivi di protezione individuale. Siamo stanchi di promesse”.

In una durissima nota il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) Silvestro Scotti, dopo avere appreso dell’ennesimo decesso di un collega, è passato ai fatti preannunciando la chiusura degli ambulatori. “Oggi devo dire addio a un amico, che come tutti noi medici di famiglia è stato scaricato dalle istituzioni ed è morto da solo. La sua morte per la burocrazia non vale il costo di una mascherina”, ha scritto Scotti, “siamo pronti a chiudere gli studi che non sono parte dei Livelli essenziali di assistenza”.

E ha stigmatizzato la mancata relazione tecnica a un emendamento che ha bloccato la possibilità per i medici di base di avere la forniture dei dispositivi di protezione per fronteggiare l’epidemia. “L’emendamento al Cura Italia – ha spiegato – mirava a chiarire che la fornitura dei dispositivi di protezione individuale doveva essere estesa ai medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta e ai farmacisti.

La Fimmg considera inaccettabile il parere negativo della Ragioneria dello Stato all’emendamento 5.1 a prima firma Paola Boldrini (Pd), depositato in commissione Bilancio del Senato”. “A quanto si apprende – ha riferito – la Ragioneria, nel rinviare il parere del ministero della Salute, si è espressa in maniera contraria per la mancanza di una relazione tecnica utile a quantificare gli oneri finanziari prodotti da questa modifica. Mi chiedo quanto valga per lo Stato la vita di un medico”.

Intanto la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche (Fnopi) indica che quella degli infermieri è la categoria che conta il maggior numero di positivi tra gli operatori sanitari: il 52% del totale, e rispetto all’età media dei camici bianchi contagiati, quella degli infermieri è la più bassa.

Tonino Aceti, portavoce di Fnopi, ha chiesto con forza che vengano garantiti tamponi e dispositivi individuali di protezione: “Gli infermieri sono i professionisti che restano di più accanto al paziente, con turni anche di 12 ore ciascuno, che rendono molto più elevate le possibilità di contagio. Stanno pagando un prezzo altissimo”.

E sottolinea: “Se non ci fossero loro i malati di Covid resterebbero abbandonati in un letto senza la possibilità di avere un contatto umano. Il loro è un contributo di professionalità, vicinanza e di vita”. La voce è unanime: medici ospedalieri, di base, pediatri di libera scelta, infermieri chiedono di poter lavorare in sicurezza. “Senza strumenti – conclude Scotti – la pandemia non si affronta, e la situazione peggiorerà se e quando si allenteranno i contenimenti. Tutto ricadrà proprio sulle cure primarie, dove il contagio potrà riprendere il suo corso e creare nuovi focolai. Non siamo intenzionati a contare i nostri morti stando zitti”.

Dal punto di vista legale, un avvocato che affianca la categoria dei medici avverte che la pandemia sarebbe stata sottovalutata in Lombardia.

Questo è “il momento della cura e del dolore, mentre le azioni legali col tempo saranno valutate”, ma ciò “che si può dire fin da ora è che in Lombardia c’è stata una sottovalutazione della pandemia e una mancata predisposizione di misure di sicurezza minime, sia per il personale sanitario negli ospedali che per i medici di base”.

A parlare è l’avvocato Paola Ferrari, legale della Federazione medici di medicina generale e da anni impegnata nella difesa di numerosi ‘camici bianchi’ ed infermieri, categorie ovviamente in prima linea nella lotta al Coronavirus e che hanno già pagato un prezzo altissimo in termini di morti e contagi.

Per l’avvocato, che a metà marzo per conto della Fimmg ha redatto anche una diffida nei confronti della Regione, trasmessa per conoscenza anche a tutte le Procure lombarde, la Lombardia, “malgrado avesse un piano pandemico risalente al 2009, e che seppur datato avrebbe potuto funzionare, è arrivata totalmente impreparata per l’assenza di protocolli di sicurezza negli ospedali e di presidi di tutela”, come mascherine in numero sufficiente ed idonee, ma anche tamponi per verificare la positività o meno del personale delle strutture sanitarie.

Eppure, ha chiarito l’avvocato, “i segnali c’erano già stati, come dimostra l’anomala crescita delle polmoniti che c’è stata tra dicembre e gennaio” e le “precauzioni andavano prese a tutela di medici e sanitari, anche perché la regione era più esposta alla diffusione del virus con la presenza di tre aeroporti internazionali”.

Per tutte le azioni legali sulle eventuali responsabilità “ci sarà tempo e verranno valutate”, ha ribadito il legale, ma ciò che dal punto di vista legislativo “non potrà essere accettato sarà un’eventuale copertura, con una ‘lenzuolata’ di nuove norme, delle responsabilità di questo tipo sulla prevenzione, che sono in capo ad Ats, Regione e Stato”.

Con nuove norme bisognerà, invece, “equiparare i medici di base agli altri medici, perché i primi in questi casi non hanno nemmeno la copertura Inail per gli infortuni sul lavoro”. Ed è “doverosa” anche la predisposizione, in discussione in Parlamento, di uno “scudo” legale per coprire le eventuali azioni civili o penali nei confronti dei medici impegnati sul fronte dell’emergenza. Anche se ogni situazione, poi, chiarisce l’avvocato, andrà valutata caso per caso, perché alcuni familiari di pazienti morti per Covid-19 potrebbe “legittimamente chiedere che sia vagliata la responsabilità in casi di gravi omissioni”.

E ciò a prescindere dai casi di ‘sciacallaggio’ da parte di alcuni studi legali che sfruttano la pandemia per accaparrarsi clienti. Infine, c’è da dire, conclude l’avvocato Ferrari, che tante persone “sono morte, ad esempio nelle Rsa, senza che quei decessi siano stati nemmeno registrati come vittime del Coronavirus”.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...
commercial

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
sponsor

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...

Zuppa conservata male origina botulino: 40enne in rianimazione

Un uomo di 40 anni ha mangiato una zuppa scongelata ed è finito all'ospedale per intossicazione da botulino. L'incidente, che non ha responsabili se...
commercial

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Piazza Ferretto: sfonda vetrina con un tombino per rubare bottiglie esposte

Una pattuglia del Reggimento Lagunari Serenissima, impegnata nel servizio Strade Sicure, ha bloccato ieri sera un uomo che dopo aver sfondato la vetrina di...

ZENO di Lorella Del Gesso [concorso letterario]

Il mio nome è Zeno, la mia età cinque anni. Vivo con Eleonora, che è la mia mamma, e Alan, il suo compagno, con cui...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.