2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Maxi sequestro della ‘Droga di Hitler’, era tra le spezie del Bangladesh

HomeDroga a VeneziaMaxi sequestro della 'Droga di Hitler', era tra le spezie del Bangladesh
la notizia dopo la pubblicità

Maxi sequestro della 'Droga di Hitler', era tra le spezie del Bangladesh

Buon esito per le indagini che hanno condotto al riconoscimento e all’arresto di uno spacciatore di sostanze stupefacenti particolarmente micidiali, grazie al nucleo antidroga dei Carabinieri di Mestre, che lo hanno individuato e trasportato in carcere.

Si tratta del bengalese Rahman Masudur Md, cinquant’anni, arrestato in flagranza di reato grazie ai carabinieri di Spinea e dell’aeroporto di Tessera, che da mesi controllavano i canali del traffico di una sostanza , la metanfetamina, detta anche ‘Yaba’ o la droga di Hitler, per meglio connotarne la pericolosità (era usata dai nazisti) e la sua capacità di influenzare e distruggere psicologicamente chi ne fa uso e da quell’assunzione viene trasformato in un individuo impazzito, aggressivo, privo di controllo, in grado di far del male a se stesso e agli altri.

E il tutto si aggrava se si considera, come affermano gli inquirenti, che quelle pasticche costano intorno ai 5 euro e vengono assunte proprio da lavoratori bengalesi, che nel Veneto sono molto numerosi, per reggere la fatica di orari di lavoro pesanti e insostenibili, che in un primo momento si sentono forti, ma successivamente ne rimangono vittime.

I carabinieri già lo scorso agosto avevano arrestato a Marghera un altro bengalese in possesso di 500 pastiglie di ‘Yaba’, e hanno seguito e indagato i percorsi, i viaggi dei trafficanti e spacciatori, comprendendo che la droga a Tessera arrivava dall’oriente e i soggetti identificati erano sempre bengalesi impegnati in continui viaggi di andata e ritorno che hanno insospettito a buona ragione e con buon esito, i militari dell’Arma.

Rahman Masudur Md risiede in provincia di Viterbo e ufficialmente fa il cuoco: il suo arresto è avvenuto in circostanze premeditate. Dopo un suo viaggio a Dacca, nell’est asiatico, dove si ferma per due settimane, ritorna a Tessera, i carabinieri si appostano nei parcheggi fuori dell’aeroporto, e controllano i suoi movimenti. L’uomo esce, si ferma in attesa dei suoi complici, ma viene bloccato e perquisito: dalle sue quattro valigie stracolme di sacchetti chiusi di generi alimentari impregnati di aromi al fine di confondere il fiuto dei cani antidroga, sbucano 2500 pasticche colorate, rosse, arancione e verdi, simili a caramelle, suddivise in nove pacchetti.

Da qui l’arresto immediato del bengalese, che a Istanbul, dove aveva fatto scalo l’aereo, proprio per quei forti odori sovrastanti aveva superato i controlli e ora dovrà spiegare chi lo approvvigionava, i paesi e gli spacciatori complici del traffico della metanfetamina.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...