4.2 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Mattia Del Zotto comprò il Tallio dove trovò l’acido l’amico di Martina Levato Alexander Boettcher

HomeOmicidi e assassiniMattia Del Zotto comprò il Tallio dove trovò l'acido l'amico di Martina Levato Alexander Boettcher
la notizia dopo la pubblicità

Stefanina Malu, 83 anni, Natale in prigione. E' detenuta più anziana d'Italia
E’ un mistero e resterà un mistero a lungo il motivo per cui Mattia Del Zotto ha cominciato a pianificare il piano diabolico per sterminare la sua famiglia con un avvelenamento che non doveva lasciare tracce.
La sua mente, i suoi percorsi di pensiero, sono per ora meandri difficilmente sondabili per valutatori che appartengono ad un’altra dimensione, a quella ‘comune’, popolarmente conosciuta come ‘normale’.

Le reazioni, d’altro canto, continuano con manifestazioni insolite, come quando appena varcata la soglia del carcere di Monza, nel primo colloquio con l’operatore, in piena notte, ha parlato anche della sua conversione all’ebraismo, religione di cui ha chiesto alcuni libri per continuare a studiare e proseguire il percorso cominciato tre anni fa.

E’ oggi sorvegliato a vista 24 ore su 24 dagli agenti di polizia penitenziaria e si trova da solo in una cella al momento senza tv, Mattia Del Zotto, il 27enne di Nova Milanese arrestato
mercoledì sera con l’accusa del triplice omicidio dei nonni paterni e di una zia e del tentato omicidio di altre cinque persone, tra cui i nonni materni.

Tutte persone, a suo dire, “impure”, che sono stati avvelenate con il Tallio, sostanza che ha acquistato a settembre da un’azienda di Padova contattata due mesi prima.

Azienda dalla quale nel 2014 avrebbe ordinato l’acido (poi usato per una serie di aggressioni) Andrea Magnani, complice della coppia Martina Levato-Alexander Boettcher.

Da quanto è trapelato, il giovane, che questa mattina sarà interrogato da Federica Centonze, il gip che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare contestando pure l’aggravante della premeditazione, è sembrato freddo: come se avesse alzato una ‘barriera’ per chiudersi in un suo mondo.

Inoltre, viste la particolarità del caso e l’età di Del Zotto, reo confesso, la direttrice della casa circondariale, Maria Pitaniello, ha concordato con il Procuratore della Repubblica di Monza Luisa Zanetti, titolare dell’inchiesta assieme al pm Carlo Cinque, di sottoporre il 27enne non solo a un regime di sorveglianza “intensivo” ma anche a un monitoraggio continuo da parte degli psichiatri e psicologi interni per una valutazione sul suo stato di salute mentale.

Ci sarà, quindi, un lavoro d’équipe tra i medici, gli agenti penitenziari, la direzione del carcere, per accertare quali siano effettivamente le sue condizioni psicologiche. Tutto ciò per poi cercare di inserire il ragazzo nella vita carceraria.

Intanto proseguono le indagini per trovare ulteriori riscontri alla ricostruzione di inquirenti e investigatori e condivisa dal giudice Centonze.

Esperti informatici dell’Arma stanno ancora analizzando i due pc e gli smartphone sequestrati a casa del giovane per rintracciare altri elementi per comprovare l’esistenza di un piano preordinato, questa è l’ipotesi, per sterminare la famiglia.

Intanto è stato verificato che la presunta setta alla quale il ragazzo, secondo la madre, aveva aderito, ‘Concilio Vaticano II’, non esiste.

Sul disco fisso del suo laptop, che aveva come password ‘gloriosoDIO’, è già stato rintracciato l’ordine di acquisto del veleno mentre dalla giacenza di posta elettronica sul server del provider è spuntata la corrispondenza con la ditta padovana dalla quale ha poi comprato personalmente, pagandolo in contanti, il solfato di tallio e che si era dimenticato di cancellare dalla cartella ‘bozze’.

Si stanno anche aspettando gli esiti di ulteriori analisi a campione sul cibo sequestrato nelle abitazioni delle vittime.

Finora sono emerse tracce di tallio in un infuso di erbe che la madre di Mattia aveva portato ai suoi genitori (ora ricoverati in ospedale).

Infine, tra le altre cose, accanto alle modalità con cui dal Zotto ha ‘colpito’, gli investigatori stanno cercando di appurare il motivo per cui il giovane abbia proprio scelto quel veleno incolore e inodore (contenuto in 6 boccette, di cui cinque ancora piene e una usata e ora sotto sequestro) per mettere in pratica il suo folle progetto.

Motivo, si ipotizza, che potrebbe portare alla sua infanzia e alle vacanze trascorse nella cascina di Varmo (Udine). In quella zona nel 1999 e nel 2000 persero la vita due uomini proprio per avvelenamento da tallio.

I due casi rimasero irrisolti. Mattia a quell’epoca aveva dieci anni, e potrebbe esserne rimasto suggestionato.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Paolo Pradolin
Giornalista e conduttore radiofonico, una lunga carriera trascorsa tra giornali e radio. Musica e teatro le sue passioni, con la sua Venezia sempre al primo posto di ogni avventura e esperienza

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....