Marocchino si spoglia e frusta a Mestre. Ricoverato, distrugge pronto soccorso

ultimo aggiornamento: 30/07/2015 ore 08:05

94

marocchino parco albanese distrugge pronto soccorso mestre

Lunedì sera personale delle Volanti doveva intervenire presso il pronto soccorso dell’ospedale dell’Angelo, in quanto vi era un soggetto che dava in escandescenza.

Sul posto gli Agenti, con non poche difficoltà, riuscivano ad identificare l’esagitato: BEN TAHAR Said nato in Marocco nel ’85, con alcuni precedenti alle spalle, stava facendo il diavolo a quattro in pronto soccorso.


Gli Agenti poi scoprivano che si trattava del medesimo soggetto che era già stato oggetto di un altro intervento nel pomeriggio. Infatti, lo stesso aveva creato disturbo al parco Albanese, denudandosi e compiendo gesti di autolesionismo, per tale motivo era stato quindi accompagnato dal personale del 113 e del 118 presso l’ospedale.

BEN TAHAR Said ora dava nuovamente in escandescenza, compiendo atti di autolesionismo, creando scompiglio all’interno del reparto danneggiando e distruggendo parti del pronto soccorso, altresì minacciando infermieri e Poliziotti, intervenuti prontamente sul posto.

Considerato quindi ingestibile, l’uomo alla fine è stato accompagnato presso gli Uffici della Questura, ove veniva tratto in arresto per i seguenti reati; resistenza a P.U., lesioni personali, danneggiamento aggravato, interruzione di pubblico servizio, oltraggio, rifiuto di declinare le proprie generalità, atti osceni, e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in quanto trovato in possesso di 21 grammi di hashish e 8.8 grammi di marijuana,


Fortunatamente, alla fine gli agenti intervenuti hanno riportato delle lesioni non gravi, mentre il marocchino veniva trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura in attesa di rito direttissimo.

29/07/2015

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here