COMMENTA QUESTO FATTO
 

Proseguiamo nella nostra marcia di avvicinamento a Lucca presentandovi le novità di dVGiochi, una delle realtà ludiche italiane che conferma anno dopo anno la sua espansione nel settore.

Per chi mi conosce e segue da anni (per quei miei soliti dieci lettori, insomma…,) non è un mistero che per me DaVinci prima e dVGiochi dopo sono da sempre le realtà del “piccolo e bello”. Spesso ho fatto infatti i complimenti ai suoi giochini in formato tascabile, molti dei quali continuano ad essere fedeli compagni delle serate tra amici.
A Lucca, dunque, non si scapperà dal consueto appuntamento con il “porta via poco peso e molto divertimento”, ma non solo.

Iniziamo, però, proprio dai piccoli con il nuovo titolo della serie delle escape room: Deckscape – Il Mistero di Eldorado di Martino Chiacchiera e Silvano Sorrentino vedrà i giocatori partire, con gli ormai consueti limiti temporali di un’ora di gioco, alla ricerca della leggendaria città di Eldorado, affrontandole insidie e i pericoli della foresta amazzonica.

Nel quarto capitolo dei deckscape, scelta preventiva di pochi oggetti da portare con sé e consueti enigmi da risolvere per una serie di prodotti che non sembra avere cali di gradimento ed ha un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Si presenta invece in un piacevole astuccio e sulla scia del successo di Happy Salomon Funky Gallo di Ken Gruhl, funki gallo box giocoQuentin Weir e Satish Pillalamarri.
Regole semplici e divertenti per tutte le età: tutti contemporaneamente gridano ad alta voce l’azione di ballo mostrata sulla prima carta del mazzetto. Quando due giocatori chiamano la stessa azione, la eseguono e poi scartano la carta. Il primo che finisce le sue carte, vince la partita.

Compatibile con il precedente salmone, è il classico gioco da provare tuti assieme in famiglia con i più piccoli che avranno le stesse possibilità di vittoria degli adulti.

7 for the Queen di Lorenzo Tarabini Castellani è invece il vincitore del concorso Gioco Inedito 2017-2018, gioco 7 for the queen box giocoorganizzato da dVGiochi e Lucca Comics & Games. 7 for the Queen, da principio intitolato “Monster Story” pubblicato in tiratura limitata per Essen e Lucca.

I giocatori devono riuscire ad accontentare una capricciosa e volubile regina, trovando la giusta combinazione di pietre preziose per la sua collana. Ogni giocatore al proprio turno dovrà pescare le pietre preziose, giocarle per influenzare i gusti della regina e assicurarsi di avere la giusta combinazione. Veloce e piacevole, un premio decisamente meritato.

Ma è ora di passare dalle piccole carte ai “mattoncioni”, e quest’anno il primato in casa dV va di sicuro a Forum forum trajanum box giocoTrajanum, il nuovo gioco gestionale ideato da Stefan Feld e edito da Huch & Friends, classico e perfetto german come nella tradizione di Field.
L’imperatore Traiano vuole celebrare i suoi successi costruendo il più grande e magnifico Foro che l’Impero Romano abbia mai visto.

Ogni giocatore governa una Colonia dell’Impero Romano dove costruire edifici e piazzare abitanti dotati di abilità speciali. Mentre cerca di sviluppare la propria Colonia, ognuno deve mandare messaggeri a Roma per fare un resoconto all’Imperatore Traiano.

Ogni round, i giocatori si impegneranno ad aprire cantieri nei migliori terreni della propria griglia e, con questo, ottenere sia risorse importanti, sia l’aiuto di cittadini con abilità speciali in un mix di meccaniche gestionali in cui qualunque azione un giocatore scelga di compiere, il suo effetto condiziona altri aspetti della strategia di gioco. Probabilmente, uno degli imperdibili dell’anno.

Chiudiamo con quello che, invece, è per me il più atteso, anche se è una ristampa: Cuzco,la versione deluxe e deckscape il mistero di eldorado box giocoriambientata di Java, parte, assieme a Tikal e Mexica, della “Trilogia delle Maschere” di Michael Kiesling e Wolfgang Kramer.

A differenza della prima edizione, il gioco è ambientato in Sud America ai tempi dell’antica civiltà Inca. Ogni giocatore veste i panni di un alto dignitario del popolo Inca, in lotta per ottenere la supremazia politica nelle Ande. Nel corso della partita sarà possibile coltivare la propria regione irrigando i terreni e piantando colture innovative in terrazzamenti circolari, fondare villaggi e trasformarli in città costruendo e ampliando i Templi, e organizzare feste in onore del Dio del Sole.

Gioco classico di piazzamento tessere e di controllo del territorio caratterizzato da una notevole profondità strategica, vede il punto di forza un una componentistica resa più adatta ai giocatori di oggi e un grande tabellone di gioco splendidamente illustrato.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here