Mancini “Inter e Celtic ? Spero che sia la nostra notte”

ultimo aggiornamento: 19/02/2015 ore 06:39

132

Inter e Celtic

Ronny Deila è il tecnico norvegese del Celtic che nel 2012 era andato a scuola da Mancini, mentre allenava il Manchester City, per imparare e migliorarsi, «scoprendo un grande tecnico e un eccellente organizzatore».

I tifosi dell’Inter speranco che Mancini non gli abbia insegnato tutto, sapendo che stasera: «La partita sarà molto difficile. Ci aspetta una battaglia, contro una squadra che gioca molto bene, con un calcio diverso da quello della tradizione scozzese e una situazione differente da quella del campionato. Sono orgoglioso di essere l’allenatore dell’Inter e felice di giocare una partita come questa, in uno stadio pieno e con un’atmosfera speciale, che aiuterà loro, ma che può dare un aiuto anche a noi. E sarò ancora più contento se alla fine ci saremo qualificati noi, perché questo è l’obiettivo vero, da raggiungere nelle due partite. Spero che questa sia la nostra notte».


Inter e Celtic questa sera possono contare sulla presenza di un interprete principale: Icardi, che oggi compie 22 anni e si è ripreso dal virus intestinale che gli ha fatto saltare Bergamo.

Mancini non cambierà formazione, non si può più, è il momento di fare risultati e gli 11 attuali vincono quindi non si toccano.
C’è tanta voglia di vincere questa coppa, ma Mancini ha chiarito che «a tutti piacerebbe arrivare in fondo, ma la strada è lunghissima».

Roberto Dal Maschio


[19/02/2015]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here