L’unione dei comuni del Miranese è una scatola vuota. M5S: l’abbiamo sempre detto

ultimo aggiornamento: 27/04/2016 ore 08:03

196

Abbiamo letto in questi giorni sui giornali che i vigili dell’Unione dei Comuni del Miranese minacciano lo sciopero: come dar loro torto? Da quando sono passati sotto l’Unione sono in una situazione precaria e a distanza di oltre un anno non sanno ancora che fine faranno.

Ancor prima che venisse costituita noi del Movimento 5 Stelle abbiamo manifestato la nostra contrarietà alla costituzione dell’Unione dei Comuni del Miranese (abbiamo anche fatto un flashmob davanti al municipio di Spinea).

L’Unione è nata vuota, ha avuto origine da una decisione presa a tavolino con l’idea iniziale di dover garantire un peso politico maggiore all’interno della Città Metropolitana; poi però con l’elezione di Brugnaro il piano è saltato.

In conseguenza di questo, quello che abbiamo potuto vedere in un anno e mezzo circa è stato solo il nulla assoluto, sia in termini di programmazione politica che di ascolto delle istanze di chi, come i vigili, sono costretti a viverla e subirla giorno per giorno. Sono stati pochi i consigli fatti fino ad ora ma in alcuni di questi la presenza dei vigili c’era e si faceva sentire molto chiaramente.

Non si può costruire una casa partendo dal tetto! C’erano molti altri modi per cominciare a riorganizzare la polizia locale e migliorare il servizio. Ad esempio si poteva partire con una convenzione, per cominciare a creare un’organizzazione come Miranese, senza incappare però in tutte quelle difficoltà che da subito si sono manifestate e che tutti hanno visto (a parte la giunta dei sindaci del miranese).

Da subito sono state evidenziate le criticità circa la sede prescelta (villa Belvedere) che ne impediscono a tutt’oggi di fungere da sede unica della polizia locale (nonostante i ripetuti proclami).

La seconda funzione condivisa dall’Unione è la protezione civile: non è che loro se la passino meglio! Non hanno una sede adeguata dove collocare i mezzi e le attrezzature. Di loro pare si siano dimenticati un po’ tutti, salvo poi chiamarli in causa quando c’è l’emergenza.

Ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

Noi dal canto nostro continueremo a ribadire l’ovvio: così non si arriva da nessuna parte.

Movimento 5 Stelle Miranese
27/04/2016

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here