5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Semi-lockdown in Veneto, cominciano Verona e Padova: “zone rosse”

HomelockdownSemi-lockdown in Veneto, cominciano Verona e Padova: "zone rosse"
la notizia dopo la pubblicità

Congresso Famiglie Verona, che cosa resterà?

Semi-lockdown (o coprifuoco ‘spinto’ con chiusure ‘chirurgiche’) che arriva anche in Veneto. Verona e Padova per prime dichiarano “zone rosse” in cui vengono introdotte alcune prescrizioni ‘spinte’ sulla falsariga di quelle adottate in molti distretti di Parigi o in Gran Bretagna, definiti appunto semi-lockdown.
“La curva dei contagi sta salendo anche nella nostra città anche se il raffronto con altre zone del Paese, mostra una situazione meno pesante. Per questo, il nostro obiettivo è di intervenire preventivamente per sfruttare questo ‘vantaggio’ e circoscrivere le situazioni di possibile contagio” ha detto poche ore fa il sindaco di Verona, Federico Sboarina.

Il sindaco ha fatto il punto dell’emergenza sanitaria in una conferenza in streaming con il dg dell’Ulss 9 Scaligera, Pietro Girardi. “Tutto questo, come ripeto da due giorni, – ha aggiunto – per garantire la salute pubblica con interventi mirati e senza penalizzare, con chiusure generalizzate, le attività economiche locali. Stiamo procedendo con la mappatura delle zone più a rischio che verranno regolamentate con l’ordinanza che firmerò a breve”.
“Per quanto riguarda il trasposto pubblico locale

– ha detto il sindaco di Verona – è finito il periodo di monitoraggio iniziato con l’avvio delle scuole. Per rispondere alle segnalazioni degli utenti sono già 800 in più le corse aggiunte, ma dal 2 novembre sarà ulteriormente potenziato con altri 154 mezzi”.
Rispetto al pre-Covid restano in forte diminuzione gli abbonamenti, con un calo del 50%. Un dato che evidenzia il drastico impatto economico registrato Atv l’Azienda Trasporti Verona che, a fronte di minori entrate, sostiene oggi un importante incremento dei servizi messi in campo per limitare gli assembramenti sui propri mezzi, con una previsione di perdita di 15 milioni di euro per l’anno scolastico 2020/21.

Alla stretta del governo si aggiunge oggi dunque quella dei sindaci. Due nuove ordinanze restrittive sono in arrivo a Padova e Verona.
A Padova da oggi dopo le ore 21 sarà vietato consumare in strada qualunque tipo di bevanda (anche analcolica), mentre a Verona il Comune ha individuato zone rosse da chiudere per eliminarne gli affollamenti.

A Padova inasprito l’ultimo Dpcm che prevedeva come dopo le 18 non si potesse bere in piedi nemmeno nei locali. Ora una nuova ordinanza locale dice che dalle 21 non è più possibile bere niente, nemmeno un analcolico, all’esterno.
A Verona: Giardini, pezzi di Lungadige e piazzette solitamente luogo di ritrovo per giovani saranno off limits. Divieto di stazionamento sulla scalinata del palazzo in piazza Bra, maggiori controlli anti assembramento in piazza Erbe, fanno parte dell’elenco di nuove misure che scatteranno per l’ordine e la sicurezza pubblica.

L’elenco delle aree coinvolte

è in fase di completamento. Sarà competenza delle forze dell’ordine e degli agenti della Polizia Municipale effettuare i controlli. Il sindaco di Verona firmerà l’ordinanza questa mattina.
Si comincia così a contrastare duramente gli assembramenti a partire da sabato e domenica.
Se i dati dei contagiati dovessero continuare a salire il sindaco si dice pronto ad altre misure, come dichiarare zone rosse piazze, giardini e strade in cui potranno entrare solo residenti ed operatori per motivi di attività.

Verona, intanto, ha dato l’addio ufficiale ai consueti Mercatini di Natale in centro storico.

(foto da archivio: Arena di Verona, precedente a febbraio 2020)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...