spot_img
spot_img
spot_img
9.5 C
Venezia
mercoledì 20 Ottobre 2021

Lo Stato dell’arte a Cividale del Friuli per ricordare la Serenissima

HomeVenezia storicaLo Stato dell’arte a Cividale del Friuli per ricordare la Serenissima

Non una classica rievocazione, ma installazioni architettoniche e performance di circo contemporaneo attraverso le quali ricordare il seicentesimo anniversario dalla fine del Patriarcato per mano della Serenissima Repubblica di Venezia e celebrare la fondazione di Venezia, 1600 anni fa.
Nonostante la “Patria del Friuli”, dal 1420 in poi, non fosse più uno stato ma una provincia autonoma sotto il dominio veneziano, il territorio mantenne un avanzato parlamento e fiorenti attività artistiche che caratterizzarono il breve periodo in cui il Friuli fu parte dei domini della terraferma veneta.
Proprio sulle tracce del suo rapporto con la Serenissima, l’assessorato alla Cultura del Comune di Cividale del Friuli organizza “Lo Stato dell’arte”, l’evento che porterà, sabato 2 e domenica 3 ottobre, artisti cistercensi provenienti anche da Spagna e Finlandia in quella che fu la capitale del primo ducato longobardo in Italia.

Due giorni di appuntamenti per raccontare le radici culturali di Cividale e il suo dominio sotto la Repubblica di Venezia.
La manifestazione comincerà con la passeggiata “Lo Stato dell’Arte” in programma il 2 ottobre alle 15 e alle 17. Curata dal Circo all’inCirca, con la direzione artistica di Davide Perissutti, sarà una vera e propria attività esplorativa e performativa che coinvolgerà 11 artisti e realizzata a partire dalle ricerche archivistiche del professor Angelo Floramo.
In scena ci saranno sette circensi contemporanei, due musicisti, un danzatore, un attore-narratore e un gruppo di scultori che accompagneranno il pubblico dall’Arsenale Veneto – simbolo della Serenissima – a Borgo Brossana, emblema delle antiche fortificazioni medievali che il Principato costruì lungo il proprio dominio.

Due luoghi che metaforicamente racchiudono il tragitto che ha portato alla fusione dello Stato Patriarcale con la Repubblica veneta.
Il circo, la musica, la danza e le installazioni artistiche del Centro Arti Plastiche Fvg racconteranno, a proprio modo, storie di luoghi e di persone.
La giornata si chiuderà alle 20.30 nella Chiesa di San Francesco, con lo spettacolo di circo contemporaneo Gregarious che vedrà sul palco Soon Circus Company Nilas Kronlid (dalla Finlandia) e Manel Rosés (dalla Spagna).

>> vedi anche: Venezia nei campielli, un libro e una mostra per i 1600 anni di Venezia

Il giorno successivo si aprirà sempre con la passeggiata “Lo Stato dell’Arte”, alle 11 e alle 16, mentre alle 21, nella Chiesa di San Francesco, è previsto un concerto curato dall’associazione musicale “Sergio Gaggia” con due opere (“Gli Uncini del Diavolo” e “Splende Muta la Luna”) scritte appositamente per l’occasione.
All’interno del concerto si terrà anche un talk sui lavori archivistici che hanno dato vita alle performance artistiche.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements