COMMENTA QUESTO FATTO
 

L’industria siderurgica guarda al futuro e va verso la trasformazione digitale

L’industria siderurgica è da sempre uno dei fiori all’occhiello del settore manifatturiero in Italia. Una considerazione che verrà confermata dai temi trattati presso il dicastero dello Sviluppo Economico, il prossimo 9 ottobre. Il motivo è legato ad un periodo che ha portato ad una rinnovata crescita di questo settore, sebbene la situazione prima della crisi economica sia ancora lontana. Nonostante lo strapotere di paesi come la Cina e il Giappone, l’Italia riesce comunque a sovrastare altre realtà virtuose come ad esempio la Francia. A beneficio della situazione italiana interviene l’alta specializzazione di alcune aziende del settore, e le svolte tecnologiche che stanno investendo questo comparto.

Mercato della siderurgia in Italia: come si comporta?

L’attuale situazione del mercato della siderurgia in Italia, come già anticipato, è in ripresa. La crisi economica ha indubbiamente portato una flessione negativa del suddetto, ma pare essere oramai alle spalle. Secondo i dati del settore, al momento l’industria siderurgica italiana gode di un aumento del +3.7% in termini di produzione. Un trend positivo partito dal 2015, che sta continuando a regalare buone notizie per uno dei fiori all’occhiello dell’economia italiana. È importante anche e soprattutto per una questione riguardante il mercato professionale: attualmente questo settore dà lavoro a circa 350.000 persone. Il merito della crescita di questi anni va ad un ecosistema ricchissimo di aziende di tutte le dimensioni e altamente specializzate come Siera ad esempio, la cui specialità è la piegatura dei tubi di acciaio. Fra gli altri settori di successo troviamo anche la produzione di alluminio, insieme alla trasformazione del minerale in acciaio. La produzione dei laminati piani in acciaio inox e di rotaie completano questo set di aziende.

La svolta tecnologica della siderurgia italiana

La tecnologia sta per coinvolgere anche l’industria siderurgica in Italia: una vera e propria trasformazione che avverrà a più livelli. Fra le grandi novità del settore si trova ad esempio la digitalizzazione dei prodotti e la produzione automatizzata. Spiccano inoltre novità del calibro della tecnologia applicata al potenziamento dell’esperienza degli utenti (dunque i servizi customer experience). Non è possibile, poi, dimenticarsi della sostenibilità produttiva e della creazione di network in questa industria. Quali vantaggi può trarre la siderurgia dalla digitalizzazione? In primis il potenziamento organizzativo delle imprese, così come il risparmio sui costi di produzione. Anche la maggiore conoscenza della propria filiera rientra all’interno dei benefici corrisposti dal digitale.

Quale sarà il futuro dell’industria siderurgica?

L’attuale produzione siderurgica in Italia conta su un totale di 24 milioni di tonnellate di acciaio prodotte: un presente davvero positivo, che nasconde però delle sensazioni non propriamente ottimistiche. Sebbene in tanti siano portati a pensare ad un futuro roseo, le difficoltà sono dietro l’angolo. Le suddette dipendono dall’eventuale adozione dei dazi doganali per le importazioni USA di acciaio: il presidente Trump potrebbe infatti decidere di implementare dei dazi fino al 25%. È una partita che al momento si sta giocando sul delicato filo della diplomazia, con continui contatti fra Europa e Stati Uniti d’America.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here