Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
4.2C
Venezia
giovedì 04 Marzo 2021
HomeDiritto Del Lavoro. A Cura dell' Avv. Gianluca TeatLicenziamento: come si comunica. Attenzione ai possibili errori del datore di lavoro!

Licenziamento: come si comunica. Attenzione ai possibili errori del datore di lavoro!

Licenziamento: come si comunica. Attenzione ai possibili errori del datore di lavoro!

Tecnicamente parlando, il licenziamento è un atto unilaterale recettizio con cui il datore di lavoro comunica al dipendente la propria volontà di recedere dal contratto di lavoro. Il termine recettizio indica che la comunicazione del licenziamento produce effetto dal momento in cui il lavoratore ne ha conoscenza.

I due modi più corretti per comunicare il licenziamento sono: la «classica» raccomandata con ricevuta di ritorno inviata all’indirizzo di residenza del dipendente oppure la consegna della lettera durante l’orario di lavoro direttamente nelle mani del lavoratore (il quale è tenuto a sottoscriverla per ricevuta).

Cosa succede se il dipendente non ritira la raccomandata (magari nascondendosi in casa quando il postino suona alla porta) o si rifiuta di ricevere la lettera di licenziamento che gli viene consegnata a mano durante l’orario di lavoro?

Si tratta di escamotage del tutto inutili.

Primo caso (notifica con raccomandata A/R con dipendente che si rende irreperibile): la notifica si perfeziona al termine del periodo di compiuta giacenza (30 giorni). Cosa significa ciò in parole semplici? Che se il dipendente non ritira la raccomandata entro 30 giorni da quando il postino lascia l’avviso di giacenza nella cassetta della posta, la notifica si perfeziona in ogni caso al termine dello stesso periodo (30 giorni).

Diritto del Lavoro, a cura dell’Avv. Gianluca Teat

Secondo caso (dipendente che si rifiuta di ricevere la comunicazione di licenziamento durante il normale orario di lavoro). La giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione ha ormai chiarito che non sussiste un diritto del lavoratore di rifiutarsi di ricevere comunicazioni sul luogo di lavoro (o di firmarle per avvenuta consegna) durante il normale orario di esecuzione della prestazione (Cass. 5 novembre 2007, n. 23061 e Cass. 12 novembre 1999, n. 12571). Di conseguenza, il rifiuto del dipendente in tali casi è equiparato all’avvenuta consegna.

Molto più problematici possono essere i licenziamenti intimati a mezzo fax o e-mail. Anche se la giurisprudenza in vari casi ha ritenuto legittime tali forme di comunicazione del licenziamento, personalmente io le sconsiglierei, in quanto potrebbero costituire un motivo di impugnazione. Infatti, il lavoratore potrebbe tentare di dimostrare che il suo fax non funzionava oppure che l’e-mail non è mai stata recapitata (solo la PEC -posta elettronica certificata- è legalmente equiparata a una lettera raccomandata A/R). Si tratta, dunque, di strumenti utili per le comunicazioni di ogni giorno, ma che non forniscono quel grado di certezza formale che solo la raccomandata A/R o la consegna a mano possono garantire.

Attualmente molte imprese utilizzano sistemi di posta elettronica interna per tutte le comunicazioni in materia di gestione della forza lavoro. Non è infrequente, quindi, che anche il licenziamento sia comunicato da un indirizzo come ufficiodelpersonale@xxx.it all’indirizzo del dipendente (esempio marco.tuttio.cicero@xxx.it) che si basano sullo stesso server e dominio. Il problema diventa ancora più complesso se anche le contestazioni disciplinari (in caso di licenziamento disciplinare) sono state tutte comunicate via e-mail attraverso un sistema interno (che astrattamente potrebbe essere manomesso o comunque alterato da qualche informatico del datore di lavoro).

Infatti, in caso di impugnazione del licenziamento che valore legale può avere un sistema di notifiche di e-mail gestito integralmente dal datore di lavoro (che è anche una delle parti del successivo processo)?

Queste sono le ultime frontiere del diritto nell’età delle nuove tecnologie. Si tratta di confini non sempre granitici e certi. In ogni caso, il lavoratore deve essere consapevole che l’intimazione del licenziamento con queste modalità potrebbe integrare dei profili di illegittimità (specialmente se a questo aspetto si uniscono degli altri elementi).

Avv. Gianluca Teat

gianluca teat avvocato lavoro

Autore del Breve manuale operativo in materia di licenziamenti, 2016, Key Editore
Coautore di Corte Costituzionale, Retribuzioni e Pensioni nella Crisi. La sentenza 30 aprile 2015, n. 70, 2015, Key Editore

Potete contattarmi via e-mail all’indirizzo avv.gianluca.teat@gmail.com oppure attraverso il mio profilo Facebook Avv. Gianluca Teat o visitare il mio sito internet http://licenziamentodimissioni.it/index.html

06/08/2016

Riproduzione vietata

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...