martedì 25 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

Lettera al Commissario Zappalorto sul problema della validazione delle firme

HomeLettereLettera al Commissario Zappalorto sul problema della validazione delle firme

Egregio dottor Zappalorto,

L’11 dicembre scorso Le ho scritto per sensibilizzarLa circa un problema grave per l’esercizio dei diritti politici dei cittadini di Venezia: il concreto accesso alla possibilità di svolgere attività politica mediante raccolta di firme, per liste elettorali, referendum popolari, proposte di legge di iniziativa popolare, petizioni e ogni altra iniziativa che richieda l’autenticazione delle firme stesse da parte dei soggetti individuati dalla legge.

Lo scioglimento del consiglio comunale ha privato i cittadini dei consiglieri comunali, esponenti eletti che hanno la facoltà di esercitare, tra le altre, la funzione di autenticazione, tanto che le uniche figure elettive che possono svolgere tale funzione sono i presidenti delle municipalità. La legge permette al Sindaco – e a Lei in qualità di commissario prefettizio – di autorizzare i funzionari comunali a svolgere in Sua vece le funzioni di autenticazione. Lei ha scelto di individuare tali funzionari all’interno di determinate sedi che osservano i normali orari di apertura degli uffici comunali, essenzialmente coincidenti con l’orario lavorativo della popolazione attiva, creando così un ostacolo sostanziale alla possibilità di esprimere il supporto a iniziative e candidature che prevedano la raccolta delle firme.

Spesso infatti la raccolta firme avviene in occasione di manifestazioni e banchetti allestiti in forma estemporanea sul suolo pubblico, modalità che tende a avvicinare i cittadini all’attività politica in un modo peraltro più trasparente rispetto alla pratica, diffusa tra i partiti, di raccogliere ?clandestinamente? le firme, grazie a autenticatori compiacenti, o, ancora peggio, di falsificarle, come testimoniano diversi fatti di cronaca degli anni passati.

Per questo, Le ho chiesto in forma privata di valutare di estendere numero, modalità e orari delle figure delegate ad autenticare le firme dei cittadini, a cominciare dai funzionari comunali che si rendessero disponibili in tal senso. Le ho chiesto di incontrarci per parlarne. Ho avuto una risposta scritta, gelida e burocratica, che ribadisce le cose come stanno e lascia i problemi intatti.

Nel frattempo alcuni cittadini hanno anche appurato che, oltre al problema degli orari limitati, negli edifici comunali preposti alla raccolta delle firme, dove sono disponibili i moduli per l’iniziativa sul referendum per l’uscita dalla moneta unica, viene chiesto di presentarsi con ben due documenti di identità, uno da lasciare all’ingresso per poter entrare, l’altro per registrare i dati personali e convalidare la firma apposta.

Io, come portavoce dei cittadini, mi trovo costretto a rinnovarLe pubblicamente la richiesta di prendere in seria considerazione la necessità di trovare una soluzione a questo problema, ad esempio conferendo la delega a esercitare funzioni di autenticazione perlomeno ai funzionari comunali che, per senso civico, si rendessero volontariamente disponibili a svolgere questo servizio.

Marco Da Villa
cittadino portavoce eletto alla Camera dei Deputati

[21/01/2015]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

“Dall’anno scorso vivo a Marghera, tutti mi chiedono: com’è via da Venezia?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Buongiorno, Dall’anno scorso vivo a Marghera nella casa di Mia madre nel quartiere Cita. Tutti mi chiedono come mi sento dopo aver lasciato Venezia. Sto...