Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
8.9C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeCronacaLegnano: studentessa autistica umiliata dai suoi compagni di classe che non la vogliono

Legnano: studentessa autistica umiliata dai suoi compagni di classe che non la vogliono

Legnano: studentessa autistica umiliata dai suoi compagni di classe che non la vogliono
Peccato dover partire da un fatto odioso per poi arrivare al convincimento che forse le questioni più delicate meriterebbero più attenzione, più educazione, più cultura. E più cuore.

Chissà cosa ha provato la studentessa tredicenne di Legnano messa all’angolo dall’incoscienza dei suoi stessi compagni di scuola, che con un tam tam indegno, si sono comunicati, tramite il fedele e ubbidiente cellulare, che alla Gita a Mauthausen, lei la compagna autistica, non la volevano proprio. E men che mai l’avrebbero accettata come compagna di stanza. Gli adulti che gravitano intorno a questa vicenda odiosa, sono appena percepibili: i genitori degli altri ragazzi? Gli insegnanti?

Intanto la madre della ragazza umiliata mastica bocconi amari, ma per fortuna le telefona la Ministra all’Istruzione Stefania Giannini, che fa trapelare l’opportunità della sospensione della gita e invita la famiglia a Roma per un incontro in grado di rilevare problemi e soluzioni per tutte le circostanze simili che possono presentarsi in futuro.

Salvifica e consolatoria la proposta della Fondazione Museo della Shoah, che in accordo con il presidente Mario Venezia, Riccardo Pacifici della Comunità ebraica, e del provveditore di Milano, Marco Bussetti, accompagnerà la studentessa e la sua famiglia a Mauthausen.

Rimane comunque in sospeso tutta la questione, che ora gli ispettori vogliono accertare e che in ogni caso, non solo è tardiva e colpevole, ma mette in evidenza l’assurdità del ripetersi di questi fenomeni dentro (e fuori) le scuole, la miseria dei silenzi che circondano fatti odiosi, in una specie di cecità (ignara?) che tutto copre e assorbe.

Forse è colpa del cellulare che occupa tutto lo spazio visivo e mentale che il suo ruolo gli assegna? E’ lui, anzi esso che induce all’irresponsabilità?

Per il momento, quindi, niente viaggio in Austria, in quel luogo così significativo per la storia e per la formazione di giovani così capaci di produrre dolore, così corali e complici nella loro insensatezza.

Certo colpevole può essere solo la giovane età e c’è sempre tempo (volendo) per rimediare. Non guasterebbe qualche esempio, qualche presa di posizione, qualche colpo d’orgoglio da parte del mondo adulto. Tant’è.

La Fondazione del Museo della Shoah mette la sua esperienza a disposizione della scuola, dei giovani e dei loro genitori, attraverso quella difficilissima strada che si chiama parola, con ascolto e riflessione.

E’ probabile che ci sarà il viaggio per quella classe di Legnano. E poi la scuola fra un mese, due, è finita.

Andreina Corso

18/04/2016

(cod viauti)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...

Precipita nel vuoto per 40 metri. Morto Lorenzo Gatti, 29 anni

Precipita nel vuoto per circa 40 metri. Una caduta fatale per Lorenzo Gatti, l'alpinista di 29 anni morto nella tarda mattinata di oggi mentre...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...
spot

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...

Covid, a Mestre centro oggi tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.