lunedì 17 Gennaio 2022
2.9 C
Venezia

Lady Bird, alla fine ha tutte le carte in ordine

Lady Bird, alla fine ha tutte le carte in ordine

Non si commette nessun peccato ad andare a vedere “Lady Bird”; non si rimpiangono nemmeno i soldi del biglietto. Si esce intiepiditi come una piacevole minestrina calda mentre fuori fa 2 gradi.E Saoirse Ronan è sicuramente capace di dare corpo ed espressioni ad un personaggio come la studentessa Christine McPherson, autonominatasi Lady Bird. Il soprannome è una delle tante stravaganze di questa adolescente “adolescentemente” irrequieta e insoddisfatta, desiderosa di volare e alla ricerca di un equilibrio e con due genitori, psicologicamente dotati di quieta stravaganza.

Il padre, informatico, perde il lavoro; la madre, assistente psichiatrica in una struttura ospedaliera di Sacramento, si fa in quattro per far quadrare le cose. Nel film proprio Sacramento è il suono di bordone che sottolinea il mood in sordina di normale disperazione. Christine sogna di evadere da questo luogo che pur essendo in California è la parte oscurata del sole della West Coast; non ci sono arance grandi come case né surfisti con tartaruga sull’addome. Qualche spinello c’è ma lo si consuma nascosti e infelici.

Potrebbe essere la Baltimora di John Waters o altre soffocanti provincie americane che ben conosciamo. Vorrebbe passare a una prestigiosa istituzione universitaria mentre frequenta un bizzarro liceo cattolico, ora repressivo ora ambientato da figure tenere. Già, potrebbe essere una delle tante storie di formazione che già abbiamo visto al cinema. E in effetti è proprio così. Che poi la regista ci metta del suo è solo un fatto accessorio: ci mancherebbe altro. Vorrei vedere che non fosse così, perché altrimenti meglio rinunciare a vedere il film.

Io però mi chiedo il perché di tante candidature e di tanti premi; va bene, il film non ha una sbavatura ma resta sempre nel regime del minimale grottesco a cui altri film sulla crescita ci hanno abituato. Non ha nemmeno le atmosfere deliranti del mai dimenticato “Napoleon Dynamite”, film che gestiva al meglio la sua origine “Saturday night live” con un personaggio estremizzato nelle sue afasie. E nemmeno la sottile ferocia di “Ghost world” o “Juno”.

“Lady bird” mescola stravaganze e humor a momenti dolorosi (la difficile conciliazione con la madre, il rapporto conflittuale col fratello adottivo, superlaureato che però lavora alla cassa di un supermarket; la crisi lavorativa di un padre tenero, contraltare con una madre per forza di cose dura con la figlia, anche in virtù dello stesso carattere). Ma, ad onta di una certa piacevolezza e alcune scelte “attuali” (il primo ragazzo di Lady Bird si scopre gay) non usciamo dai bagnasciuga di un cinema medio, garbato, talvolta acuto, che fa sorridere e/o riflettere (ahiahi) ma senza colpi di genio. Si fa vedere, fa anche intenerire ma resta che il finale è consolatorio e rimette tutte le carte in ordine.

LADY BIRD
(id. 2017)
Regia: Greta Gerwig
Con: Saorise Ronan, Laurie Metcalf, Tracy Letts

Giovanni Natoli

MOVIEGOER, APPUNTI DI UNO SPETTATORE CINEMATOGRAFICO. DI GIOVANNI NATOLI

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Giovanni Natoli
Giornalista e critico cinematografico. Puntuale testimone della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, pubblica le sue recensioni sulla rubrica 'Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico'.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")