mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

La Scuola Cattolica (Venezia 78.)

HomeCinemaLa Scuola Cattolica (Venezia 78.)

Ogni paese ha la sua cinematografia “tipica”; ovverosia la lingua standard per realizzare una pellicola.
Un film francese medio si riconosce a prima vista anche senza sapere che film è, uno americano idem.
E così via. E in Italia abbiamo anche noi il nostro mainstream.
Questo film tratto dal libro monstre di Albinati (premio Strega) non sfugge alla regola.
Infarcire la pellicola con attori contemporanei assieme a facce del passato recente, costruire un racconto storico muovendosi non direttamente nel fuoco della narrazione ma cercando raccordi col passato dei personaggi e dell’ambiente: la conseguenza si chiama “manierismo”.
E anche il film di Mordini non sfugge alla regola.
“La scuola cattolica” racconta i prodromi che han portato a una delle pagine di violenza più orribili del nostro Paese. E non solo; una pagina orribile tout court.
Nel mettere in scena parte del romanzo il regista trova un epicentro nell’istituto superiore san Leone Magno.
Scuola frequentata dall’alta borghesia dei Parioli: coagulo di tensioni sessuali e criminali.
Niente classi miste, maschi da una parte, femmine dall’altra.

Ed è in questa tensione e nelle scoperte della propria natura, per vie alternative, che il film presenta la sua chiave di lettura.
Il sesso, il potere.
In un’epoca in cui in Italia la tensione politica tra schieramenti era alta e si rifletteva anche nel cinema di genere.
Ma il film presenta un grosso limite.
Il contesto politico generale è solo accennato: le figure di Ghira, Guido e Izzo sono studiati solo sul versante patologico e molto poco dal punto di vista militante (i loro curriculum di anarcofascisti è impressionante sin dalla giovanissima età).
L’intreccio delle varie vicende, sia dei protagonisti che delle famiglie è convulso ed è così ammassato e poco sviluppato che lo sguardo narrante del personaggio che fa Albinati (anche lui uno studente dell’istituto) fatica a fare chiarezza.
Non c’è fascismo, insomma, in questo film. C’è un ritratto della Roma Bene che è verosimile ma non così incisivo.

Siamo insomma nella parrocchietta di un cinema che ha dato pellicole come Romanzo Criminale e altro.
Sembra strano detto da me ma se ci fosse stato dietro la cinepresa il Sorrentino de Il divo avremmo visto ben altro e ben meglio.
Al termine il film ci concede la messinscena delle violenze subite dalle povere Rosaria e Donatella.
Un momento, secondo me, che alza l’asticella del film, pallido ricordo dei momenti caldi del cinema del tempo, i rape & revenge movies (vedi “Salò” o almeno il ripugnante ma cinematograficamente abile “L’ultimo treno della notte, citato tramite una locandina che si intravede nella scena in cui si incontrano gli assassini con le vittime).

Certo è giusto quel che si sente dire da Edoardo : essere maschi “è una malattia”, le donne nel film sono pezzi di carne da usare e distruggere. Ma è un merito di Albinati e non tanto della messinscena.
Comunque un plauso a Luca Vergoni che è spaventosamente somigliante a quel disgustoso animale che tutt’ora è Angelo Izzo.

Ci voleva un film più complesso, più militante, meno legato a certe nostalgie inconsce sugli anni 70, più coraggioso nel mostrare l’orrore.
Infatti la scena del massacro, con tutti i suoi limiti, combina violenza grafica e costante pietas per le due povere donne, una morta e l’altra miracolosamente sopravvissuta a torture, droghe, sprangate, violenze sessuali (ricordo che i tre macellai le caricarono dentro il portabagagli di una 127 e allegramente andarono a mangiarsi una pizza e fare a botte con i compagni).
Più coraggio, cinema italiano.

VENEZIA 78:
“LA SCUOLA CATTOLICA”
Regia: Stefano Mordini
con
Benedetta Porcaroli, Giulio Pranno, Emanuele Maria Di Stefano, Giulio Fochetti, Leonardo Ragazzini, Alessandro Cantalini, Andrea Lintozzi, Guido Quaglione, Federica Torchetti, Angelica Elli, Gianluca Guidi, Luca Vergoni, Corrado Invernizzi, Francesco Cavallo, Fabrizio Gifuni, Valentina Cervi, Valeria Golino, Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Giovanni Natoli
Giornalista e critico cinematografico. Puntuale testimone della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, pubblica le sue recensioni sulla rubrica 'Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico'.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...