4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

La Regina Proibita, la romantica storia sconosciuta di Caterina di Valois

HomeLibri, recensioni e nuove usciteLa Regina Proibita, la romantica storia sconosciuta di Caterina di Valois
la notizia dopo la pubblicità

La-regina-proibita_hm_cover_big

La narrativa storica ha sempre affascinato, raccontando in maniera romanzata un mondo lontano e che, per magia, sentiamo vicino. Questo soprattutto se si tratta di personaggi bistrattati dalla Storia, poco conosciuti e, molte volte, poco studiati. E’ proprio il caso di Caterina di Valois, figlia di Carlo VI di Francia e di Isabella di Baviera, che sposò Enrico V d’Inghilterra dando alla luce, il Giovane Enrico poi divenuto Enrico VI, ma non solo. La sua è una figura importante per l’unione con Owen Tudor, che diede il via alla rapida ascesa della dinastia che vede come suo maggiore esponente il famigerato Enrico VIII e le sue sei mogli.

Ne La Regina Proibita di Anne O’Brien, edito da Harlequin Mondadori, la protagonista è proprio una Caterina inedita, che, con il cuore in mano, racconta a posteriori la sua vicenda ad un lettore che si troverà immediatamente catturato dalla bravura della O’Brien di coinvolgere in atmosfere d’epoca senza dimenticare mai la passione e il romanticismo.

L’opera oltre a darci un’indicazione sulle dinamiche politiche dell’epoca, ci mostra la situazione delle donne in cui, paradossalmente, chi era di rango inferiore era più libero rispetto alle donne altolocate, costrette a sottomettersi alle volontà altrui per un fine maggiore: la salvaguardia della Corona. Caterina vive sulla sua pelle queste oppressioni e soppressioni, ma il modo in cui ce la ritrae l’autrice, davanti ai nostri occhi è quello di una donna come tante, il fatto che sia una Regina viene in secondo piano.

Ed è proprio questo il punto di forza della narrazione: prendere Caterina e metterla al livello del lettore, con le sue passioni, colpi di testa, pulsioni e paure. O’Brien ridà alla sua figura quella dignità che la Storia non le ha mai dedicato, dandocene uno sguardo vivo e reale. Impossibile non appassionarsi alla sua sfortuna in amore e ai suoi crepacuore.

Madre del Re prima di tutto, Regina Vedova poi, donna alla fine. Questo sembra il destino della giovane Caterina (se pensate che è morta a 36 anni, vecchia non lo è mai stata) che, come ogni eroina che si rispetti, è alla ricerca del suo reale principe azzurro che le faccia provare quell’amore che le è stato prima negato da Enrico e poi tradito da Edmondo.

L’utilizzo della prima persona ci permette di entrare nei pensieri della Regina, di seguire il suo cuore e di appassionarci ad una vicenda ricca di colpi di scena e di sofferenze, dove al centro di tutto, inaspettatamente, non ci sta la ricerca del solito Potere, ma di un altro ben più forte e che ancora oggi molti vedono come chimera, il potere dell’Amore, colui che muove il sole e le altre stelle.

La Regina Proibita è uno di quei libri che gli amanti della Storia e dei romanzi di Philippa Gregory non possono non avere nella loro collezione, perché qui c’è una figura sconosciuta che diventa protagonista se non nel cuore dei suoi amanti, in quello dei lettori.

Sara Prian

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.