La maledizione del cuore fantasma – Quando gli incubi non sono solo degli adolescenti

0
650

copertina-la-maledizione-del-cuore-fantasma-570x800

Ci sono dei libri che meriterebbero di diventare film dopo la prima pagina. Dei libri le cui atmosfere riescono ad arrivare a lettori di qualsiasi età, a divertire e anche a far riflettere sul mondo degli incubi adolescenziali. La maledizione del cuore fantasma di Carlo Deffenu, edito da Watson edizioni, fa parte di questa categoria, e andrebbe subito mandato all’attenzione del genio di Tim Burton che sarebbe in grado di coglierne l’essenza della cellulosa e trasformarla in celluloide.

Corrado Scala è un ragazzino di dodici anni, vive con i genitori, un fratellino di otto anni e conduce un’esistenza normale tra scuola, giochi e sogni impossibili da domare. Appassionato del supereroe Joe Tenebra, legge i suoi fumetti e segue la serie animata alla TV con una dedizione maniacale. Innamorato segretamente di Lilly, la ragazzina dai capelli rossi, inizia a pensare che qualcosa non giri più per il verso giusto quando la sua vita viene improvvisamente messa in subbuglio da una serie di avvenimenti difficili da interpretare: la comparsa sulla nuca di una profonda cicatrice che brucia come un tizzone ardente, le apparizioni di bruchi, formiche, falene e corvi nei luoghi più impensabili, i brutti sogni popolati da frotte di fantasmi, zombie e vampiri. Cosa sta succedendo intorno a lui e dentro la sua testa? Quello che Corrado ignora è il suo passato. Un passato di morte e di rinascita cancellato dall’incantesimo di un Uncinato. Ludwing Molbrath non ha dimenticato la sconfitta. Per vendicarsi de Il Clan dei Cari Estinti, tesse la sua intricata tela intorno al piccolo Corrado. Una guerra all’ultimo inganno per entrare in possesso della Formula del Ritorno e distruggere il delicato equilibrio tra Bene e Male.

 

Come ha fatto Ransom Riggs e i suoi Peculiar Children (che manco a dirlo è diventato un interessante film di Burton), Deffenu prende il mondo dei demoni interiori degli adolescenti, che si riflettono poi nella vita da adulti, e fa loro prendere forma in un racconto che oltre a tenere con il fiato sospeso e ad intrattenere, mette in campo argomenti importantissimi come l’accettazione di sé e l’identità sessuale. Proprio questi due elementi sono demoni ed incubi nella vita di ogni giovane uomo e giovane donna ed è con essi che ogni giorno i protagonisti di questa storia devono avere a che fare.

La maledizione del cuore fantasma è un romanzo di formazione, un teen horror, ma è anche molto di più. È la storia della ricerca di sé stessi attraverso un’avventura scritta con passione e amore verso il testo e i suoi personaggi, è la classica lotta tra bene e male, ma è anche una grande e solida architettura metaforica. Un ragazzino si alza la mattina e il mondo che fino all’altro giorno era un grande gioco, si rivela con tutti i demoni, le persone non sono mai quelle che sembrano, l’amore si cela nei posti più impensati e il pericolo si nasconde dietro l’angolo. L’autore sembra voler suggerire che in qualche modo bisogna uccidere il bambino che è in noi per rinascere uomini senza però cercare di dimenticare quello che siamo stati.

Corrado è come il Victor di Frankenweenie o il Jake di Miss Peregrine, destinati ad un grande destino, rinchiusi in una piccola cittadina, ma pronti a compiere grandi cose e a portare il lettore/spettatore ad affrontare le proprie paure in una prosa avvincente che riesce, nonostante il target young adult a cui si riferisce, a stupire anche il lettore più consumato, portandolo alla riflessione e alla commozione. Davvero un romanzo delicato, ma allo stesso tempo e sorpresa tra le uscite del periodo. Non perdetelo.

Sara Prian

Riproduzione vietata


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here