mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

La Decisione – I tre giorni di riflessione di Thomas Mann

HomeLibri, recensioni e nuove usciteLa Decisione - I tre giorni di riflessione di Thomas Mann

La decisione

Thomas Mann fu uno di quegli autori importantissimi per la sua nazione, ma che non amava impicciarsi dei fatti politici. Qualcosa però nel 1933 cambia e l’ascesa di Hitler unita, in seguito, alle leggi razziali portano l’autore di “Morte a Venezia” a prendere una decisione politica che cambierà per sempre la sua esistenza. Su questo si basa l’introspettiva opera di Britta Böhler, “La Decisione“, edita da Guanda, che con intelligenza, tra fiction e realtà, ci porta all’interno della psicologia di Mann e della sua famiglia, costretto a rifugiarsi in Svizzera con la moglie e i figli più piccoli dopo che il Fürer lo accusa di aver involgarito lo spirito tedesco.

Böhler ci regala un quadro dello stato d’animo dello scrittore che culmina nei tre giorni (dal 31 gennaio al 2 febbraio 1936) in cui prende la decisione di pubblicare la lettera che metterà una volta per tutte nero su bianco la sua posizione politica nel confronti del regime che si sta instaurando. La Decisione è un libro, come detto, fortemente introspettivo che segue i tormenti dell’animo di Thomas Mann, una battaglia verso se stesso e verso la patria, una Germania che sta cambiando troppo velocemente e che non riconosce più. E’ una lettera d’amore al proprio paese, ma anche un’analisi attenta dell’animo umano quando si trova davanti ad una scelta che potrebbe cambiarci l’esistenza.

Una scelta, questa che scandisce le ore della giornata del “Mago” di Lubecca, come movimenti musicali di Wagner, melancolici prima e poi ad un tratto pieni di carica e voglia di vita. Lancette che scorrono come i pensieri che affollano la mente e che Böhler segue passo passo, dipingendo un affresco, tra il saggio e il romanzo, della vita di Mann, dalle sue passeggiate, ai suoi mal di stomaco, fino all’amore infinito per una moglie comprensiva, che non lascia mai il suo fianco.

La Decisione è un dialogo quasi sussurato tra il lettore e il grande scrittore, un dialogo aperto, un brain storming di desideri, paure ed incertezze che portano il premio Nobel tra gli esseri umani.

Sara Prian

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...