La classifica dei rifiuti sulle spiagge: al top i cotton fioc che gettiamo nel wc e il mare restituisce

ultimo aggiornamento: 21/05/2019 ore 09:06

357

Rifiuti sulle spiagge, ci avete mai pensato? Non si tratta solo di scarti abbandonati da persone incivili, ma anche di oggetti biodegradabili che il mare – meritatamente – ci restituisce.

I cotton fioc, ad esempio, incredibilmente (!) occupano un posto nel podio dei rifiuti che più frequentamente si incontrano nelle spiagge.


La classifica dei rifiuti che più si trovano sul bagnasciuga o nella sabbia osserva una stretta logica relativa ai comportamenti umani.

La top ten mostra soprattutto dieci tipologie di oggetti che rivestono oltre la metà (il 66%) dei rifiuti abbandonati sulle spiagge.

In cima ci sono frammenti di plastica o di polistirolo (21,3%), seguiti da tappi e coperchi in plastica per bevande (9,6%) mentre al terzo posto ci sono i mozziconi di sigaretta (8%) e poi i cotton fioc (7,4%).


I cotton fioc, spiega Legambiente nell’indagine ‘Beach litter’, “sono il simbolo per eccellenza di maladepurazione e della cattiva abitudine di buttarli nel wc”.

Pur essendo stati “messi al bando dal primo gennaio 2019 in favore di alternative biodegradabili e compostabili”, in Sardegna e Sicilia, sono il rifiuto più abbandonato o ritrovato sul litorale.

Massiccia anche la presenza di materiali da costruzione (calcinacci, mattonelle, tubi di silicone) abbandonati (il 4,7% di tutti i rifiuti monitorati), poi bottiglie e contenitori di plastica per bevande (4,6%) e ancora bicchieri, cannucce, posate e piatti di plastica usa e getta (3,5%) che sono all’ottavo posto.

Fra le stoviglie di plastica usa e getta ‘spiaggiati’ la metà è costituita dai bicchieri.

A chiudere la classifica, le retine per la coltivazione dei mitili (3,4%) e i frammenti di vetro o ceramica con il 3,1%.

E se sulle spiagge del Tirreno oltre la metà di tutti i rifiuti rinvenuti (il 53%) è rappresentato da mozziconi di sigaretta, frammenti di plastica e polistirolo, tappi e bastoncini cotonati per la pulizia delle orecchie, su quelle dell’Adriatico la classifica è guidata da frammenti di plastica e polistirolo, ma entrano tra i primi cinque rifiuti più trovati le calze per la coltivazione dei mitili, presenti anche nella classifica delle spiagge che si affacciano sullo Ionio.

A guidare la classifica in questo caso sono tappi e coperchi in plastica di bevande che rappresentano un oggetto su 10 di quelli registrati.

Naturalmente la cultura incivile di abbandonare rifiuti continua poi imperterrita anche fuori dalle spiagge.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here