Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
17.1C
Venezia
sabato 27 Febbraio 2021
HomeAlimentazioneLa carne italiana: l’importanza della filiera e del percorso della carne

La carne italiana: l’importanza della filiera e del percorso della carne

Il crollo della domanda interna di carne nel corso del 2020, dovuto alle chiusure del settore Horeca, ha riportato sotto ai riflettori la questione dell’etichetta Made in Italy per quanto riguarda la filiera agroalimentare, compresa quella delle carni trasformate, cioè dei salumi. Ancora troppo spesso viene sottovalutata e/o non compresa a pieno l’importanza della filiera e il poter conoscere, nel caso dei salumi, sia l’origine del prodotto finale che della materia prima (la carne con cui è fatto).
Per capirci: se è vero che un capo di abbigliamento Made in Italy rimane tale anche se la stoffa proviene da fuori confine e nessuno si sognerebbe di metterlo in dubbio; nel settore agroalimentare la questione è decisamente diversa e il consumatore ha pieno diritto e il dovere (per la sua salute e quella dei suoi cari) di avere tutte le informazioni del caso, anche perché solo relativamente alle carni prodotte in Italia (dall’inizio alla fine) è possibile avere determinate garanzie di qualità e sicurezza.

La filiera produttiva: questione di qualità e sicurezza
Ogni Italiano attento a quello che mangia desidera rifornirsi da una filiera che sia controllata in ogni suo passo, dall’allevamento al prodotto finito, in modo da avere non solo la garanzia di portare in tavola carne fresca, gustosa e genuina, ma anche di consumare qualcosa di sicuro e naturale. Questo è importantissimo per il nostro benessere, perché se il cibo è contaminato o contenente chimici dannosi, i pericoli per la salute si faranno sentire presto con tossinfezioni o, in alcuni, casi anche tardi a distanza di anni, con malattie croniche gravi.
Come si può avere garanzia di una filiera carne di questo tipo? Innanzitutto rivolgendosi a rivenditori che scelgono di rifornirsi a livello locale, così da aver la garanzia che hanno potuto controllare in prima persona il percorso della carne dall’origine alla vendita al consumatore; e in secondo luogo dando importanza all’etichetta. Essa è fatta infatti per assicurare il rispetto di una serie di misure messe in atto allo scopo di ridurre i rischi per chi consuma gli alimenti. Questi sono quindi controllati dalle autorità in modo continuo con metodologie di analisi evolute, utili a svelare eventuali anomalie.

Il percorso della carne italiana: come funziona
La filiera della carne comincia dall’allevamento degli animali. Gli allevamenti possono essere di vario genere in base alle risorse economiche e territoriali, ma anche al tipo di specie. Gli allevamenti intensivi si basano sull’impiego di tecniche industriali e scientifiche che hanno lo scopo di ottenere la massima resa con un dispendio minimo di spazio e costo. Quelli estensivi, invece, sono tipologie di allevamento più semplici, tipici dei contesti rurali. In questo caso gli animali vengono gestiti con modalità che si avvicinano di molto alle condizioni di vita naturali, utilizzando tutto lo spazio utile e le risorse naturali a disposizione.
È chiaro che questa seconda tipologia offre di norma più garanzie poiché gli animali vivono in condizioni migliori, sono più forti e vengono maggiormente rispettati. È per questo che si tratta di carne sicuramente più sana.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Precipita nel vuoto per 40 metri. Morto Lorenzo Gatti, 29 anni

Precipita nel vuoto per circa 40 metri. Una caduta fatale per Lorenzo Gatti, l'alpinista di 29 anni morto nella tarda mattinata di oggi mentre...
spot

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.