COMMENTA QUESTO FATTO
 

inter preso Kondogbia milan perde anche Martinez e Salah
Kondogbia ha scelto l’Inter. Punto.
I tifosi interisti possono stare tranquilli: l’affare è fatto e concluso, ormai il Milan non ci può più entrare.
Detto questo, se possibile, vorremmo capire perchè il giocatore ha scelto l’Inter.
Kondogbia era ritenuto perno fondamentale da entrambe e in fin dei conti il progetto (di rilancio) delle due milanesi si equivale.
Quello che possiamo dire è che l’affare si era fatto sempre più complicato tra Inter e Milan che cercavano di soverchiare l’altra. Le ultime ore sono diventate così convulse che prezzo e costi hanno continuato a salire. E nonostante ciò l’Inter non ha mollato, anzi ha rilanciato (e questo dice anche qualcosa sulla volontà di Thohir di rilanciare la squadra).
Alla fine l’affare Kondogbia è arrivato a sfiorare una quota assurda: 100 milioni!
Questo il prezzo da pagare tra cartellino, ingaggio e commissioni.
E nel giro di pochi minuti vi è stato il repentino cambio di scena.
«Ci vediamo lunedì a Milano per le visite mediche». Si sarebbe così congedato da Galliani ieri alle 13.30 il papà di Geoffrey Kondogbia. Solo pochi minuti dopo il padre del giocatore era seduto al tavolo per ascoltare le proposte di Ausilio e Fassone, per conto dell’Inter.
Kondogbia è diventato in quei momenti un giocatore dell’Inter, permettendo così al Milan di “salvarsi” dall’accordo (definito “sanguinoso”) con Galliani al Monaco 40 milioni di euro, con pagamento biennale e al giocatore contratto di 5 anni a 4,2 milioni più bonus.
Così, mentre l’AD rossonero tornava a casa convinto di avere il contratto in tasca, Ausilio e Fassone, accorsi venerdì sera nel Principato per accontentare il Mancio che stava dando in escandescenze (così furioso da aver minacciato le dimissioni in caso di passaggio al Milan della mezzala francese) strappavano il sì alla mega-operazione.
Kondogbia diventa così un acquisto storico: è il secondo acquisto più oneroso della storia dell’Inter (solo Vieri, 90 miliardi di lire, costò di più): 38 milioni più 2 di bonus al Monaco e ingaggio pari a quello promesso dai rossoneri.
Questi i fatti. Le due milanesi per non perdere reciprocamente la faccia (davanti ai tifosi che già stanno affollando il botteghino per gli abbonamenti da una parte, e davanti Mancini che non voleva più aspettare dall’altra) hanno alzato l’asticella sempre di più.
A questo punto, praticamente alla pari in un punto oltre il quale non si poteva andare, il giocatore e il padre sono rimasti persuasi dalla volontà di Mancini che si è espreso in prima persona dicendo di puntare decisamente sul rilancio di squadra e competitività.

♦ vedi anche: Inter, preso Kondogbia, battuto il Milan che potrebbe perdere anche Martinez e Salah

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here