4.3 C
Venezia
domenica 24 Gennaio 2021

Jesolo, donna marocchina con le figlia riesce a scappare dal marito che vuole farla finita

Home Cavallino Treporti Jesolo Jesolo, donna marocchina con le figlia riesce a scappare dal marito che vuole farla finita
sponsor

jesolo donna marocchina con figlia aggredita marito
Sono state affidate ad una struttura protetta del Comune di Venezia su disposizione del tribunale dei Minori della cittá lagunare una donna marocchina di 28 anni e sua figlia di soli due mesi dopo che l’ennesima aggressione da parte del marito della donna, anche lui un marocchino di 29 anni, entrambi residenti in via Volta a Jesolo.
La donna e la figlia, da mesi venivano sottoposte a vessazioni, insulti e gesti di ira da parte dell’uomo che, come risulta dal racconto della stessa vittima, da quando aveva saputo che la moglie aspettava un figlio aveva perso il controllo di se.
La scorsa notte, come si diceva, l’ultimo episodio che é stato denunciato alla Polizia Locale di Jesolo allertata dal pronto soccorso dell’ospedale.
La donna da qualche giorno era tornata a vivere nell’appartamento di via Volta con la sorella dopo aver trascorso un periodo a Treviso in seguito all’ennesima aggressione refertata dallo stesso nosocomio trevigiano. Ad un certo punto, durante una discussione, il marito ha iniziato ad insultare le due donne sfasciando per la rabbia i mobili di casa.
La moglie, spaventata, é uscita sulla terrazza lasciando la bambina sul lettone della camera da letto mente dormiva. Ma é stata raggiunta dal marito che l’ha immobilizzata mettendole poi un fazzoletto in bocca per non farla gridare.
“Gridava che voleva farla finita e assieme a lui doveva morire anche la bambina” ha raccontato in seguito la donna alla Polizia Locale.
In un momento di distrazione dell’uomo, la giovane mamma marocchina ha chiamato con il cellulare il suo datore di lavoro, un ristoratore di Jesolo, che ha il suo locale proprio sotto l’abitazione della donna. L’uomo, giunto con la moglie sul pianerottolo, nel tentativo di calmare gli animi del marocchino ha dato vita ad una colluttazione senza gravi conseguenze.
Pochi istanti che, però, sono bastati alla 29enne marocchina per prendere la figlia e rifugiarsi all’interno del ristorante a piano terra, lo stesso dove aveva lavorato come cameriera prima di restare incinta. A quel punto la donna ha deciso di recarsi in pronto soccorso da dove é stato richiesto l’intervento della Polizia Locale che ha evitato ulteriori risse aggressioni da parte del marito che, nel frattempo, si era recato lui stesso in ospedale per farsi giustizia da solo. La donna, in seguito, una volta finito il pericolo ha raccontato la sua storia ed ha fatto verbalizzare la sua denuncia nei confronti del marito.
La vicenda, come spiegato dalla stessa giovane mamma africana, residente a Jesolo da qualche anno e che aveva una relazione con quello che poi é diventato il padre di sua figlia da 4 anni, andava avanti da mesi. Giá le forze dell’ordine avevano raccolto alcune denunce a carico dell’uomo che adesso, però, vede la sua posizione aggravarsi. Della vicenda é stata informata la Procura della Repubblica del tribunale di Venezia.

sponsor
commercial

commercial

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...
commercial

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...
sponsor

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...
commercial

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.