7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Insidious 2, il sequel riuscito a metà che strizza l’occhio ai grandi classici. Di Sara Prian

HomeCinema: news e recensioni di Sara PrianInsidious 2, il sequel riuscito a metà che strizza l'occhio ai grandi classici. Di Sara Prian
la notizia dopo la pubblicità

insidious 2 oltre i confini del male

Incontriamo nuovamente la famiglia Lambert, qualche giorno dopo la conclusione del primo capitolo. Qualcosa ha seguito Josh (Patrick Wilson) dal suo ritorno nel mondo degli spiriti e un misterioso segreto, radicato nel passato del protagonista, continuerà a tormentarli.

Viaggiando attraverso alcune evidenti citazioni, da “Shining” a “Pycho”, “Insidious 2” è un film che è bene dividere i due parti. La prima parte, fortemente legata alla pellicola del 2010, non perde tempo ad introdurci i personaggi ma ci porta immediatamente in un’atmosfera sospesa, tesa, già pullulata da fantasmi e che si barcamena tra l’ovvio e il poco originale, facendo cadere Wan nella trappola dei film di genere, lui che, nel primo capitolo, era riuscito ad evitarlo.

Ma se questa parte ricorda un misto tra “L’Evocazione” e “Paranormal Activity” (soprattutto nelle riprese), la seconda è assolutamente superiore riprendendo lo spirito che aveva reso “Insidious” un piccolo caso cult. Wan, infatti, tira fuori dal suo cilindro di nuovo l’originalità costruendo la seconda metà come se fosse costituita da una serie di scatole cinesi ad incastro, dove piani temporali differenti, passato-passato prossimo-presente, convivono, svelando minuto dopo minuto, con la giusta tensione, la complessa struttura narrativa.

Ed è così che quello che credevamo all’inizio, si ribalta, fornendoci risposte a domande che non ci eravamo nemmeno posti tanto eravamo sicuri fosse quello il percorso, classico, che ci voleva far seguire Wan.

Attingendo da entità non del tutto originali, La Madre e la Black Bride negli ultimi anni le abbiamo viste e riviste, il regista di origine malesiana punta tutto su come queste entità vengono presentate ed incastrate in un architettura che è solo all’apparenza semplice, ma che si aggroviglia sempre di più per poi sciogliersi e condurci fuori dal labirinto come il filo del telefono senza fili conduce fuori Dalton, moderno Teseo, dal labirinto dei fantasmi.

Sara Prian

[12/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...
spot

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...
Advertisements

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...