Tedesca colta da infarto a Venezia, il defibrillatore le salva la vita

ultimo aggiornamento: 01/05/2015 ore 14:56

110

idroambulanza suem venezia VTVE

Una turista di origine tedesca l’altra mattina è stata salvata grazie ad un intervento con il defibrillatore presente nell’hotel in cui alloggiava, il Bauer. La donna si era sentita male e si era accasciata a terra: non respirava.
Si è subito contattato il Suem, ma finché si attendeva l’arrivo dell’ambulanza un addetto dell’albergo ha provato prima con il massaggio cardiopolmonare e poi con il defibrillatore. Scariche elettriche che le hanno permesso di recuperare il battito e arrivare in ospedale dove è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico.
«Il duplice intervento – ha spiegato il responsabile dell’Unità Coronarica di Venezia, dott. Grassi – quello immediato con il defibrillatore e quello praticato nella nostra sala di emodinamica, ha salvato la vita della nostra ospite tedesca».

Redazione


01/05/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here